The news is by your side.

Ecomostro Rodi Garganico: interviene l’assessore provinciale Summa

10

“La Provincia di Foggia ha esercitato nella migliore delle maniere possibili le competenze derivate dalla legge regionale 22/06”. Si aprono così le considerazioni dell’assessore provinciale alla Pianificazione Territoriale, Antonello Summa, in merito alla vicenda della Palazzina “Roccamare” di Rodi Garganico. Una costruzione realizzata nel 1997,
costituita da una palazzina di quattro piani, attualmente allo stato grezzo, collocata in una zona di particolare sensibilità geomorfologica e ambientale. “È da pochi mesi che la Provincia di Foggia ha iniziato ad esercitare le nuove competenze. E sulla vicenda specifica ci siamo mossi, con solerzia, non appena operativamente possibile”, precisa l’assessore provinciale alla Pianificazione Territoriale. “La volontà di tutelare l’integrità fisica del nostro patrimonio naturale, ci ha spinto a muoverci nel rispetto delle volontà e delle istanze delle diverse parti in causa. Ci siamo posti, in sostanza, l’obiettivo di risolvere una problematica decennale ma nel rispetto della complessità della questione”, prosegue Summa che rimarca come “il procedimento relativo alla verifica di presunti vizi di illegittimità della concessione edilizia che ha autorizzato la costruzione dell’edificio “Roccamare” è stato avviato dagli uffici provinciali nei primi mesi dell’anno in corso, e si è concluso con un provvedimento di annullamento (determina dirigenziale del 16 novembre 2007)”.
“Comprendiamo l’ansia di mettere in chiaro le dinamiche di una vicenda che va avanti da diverso tempo -conclude l’assessore provinciale alla Pianificazione Territoriale- Ma al tempo stesso, possiamo rassicurare tutti: la Provincia di Foggia ha implementato celermente le nuove competenze e si è mossa sulla vicenda specifica di Rodi Garganico nella maniera più veloce ed efficace possibile. Non ci siamo mai sottratti al ruolo dell’ente intermedio che pianifica e tutela le risorse territoriali, anche quando siamo chiamati ad esercitare funzioni di mero controllo. E questo vale ancora di più oggi che, con le nuove deleghe sono rafforzati i nostri poteri di controllo”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright