The news is by your side.

Le vie della seta, in primo piano il Gargano

6

Grande successo per l'orchestra Ensamble Giordano
“La Puglia puo’ fare molto di piu’ nella promozione del proprio territorio, soprattutto in questo momento in cui il numero dei visti verso l’Italia registra un incremento annuo del 35%. Abbiamo una costa strepitosa, il barocco leccese e fior di agriturismi. Molto di tutto cio’ che in Puglia si puo’ offrire dal punto di vista turistico, piacerebbe davvero tanto agli indiani. E’ un peccato disinteressarsene». Lo ha detto ieri il leccese Fabio Rugge, console generale d’Italia a Mumbai, intervistato in occasione del riscontro dell’assenza totale di rappresentanze pugliesi durante l’incontro di conclusione del road-show organizzato dall’Enit a Mumbai, nell’ambito della Festa Italiana, per promuovere lo sviluppo del turismo indiano verso l’Italia, con incontri tra istituzioni ed enti italiani e operatori turistici indiani e italiani.
Evento di punta dell’iniziativa, la presentazione di ‘A little book of Italy’, un’accuratissima guida turistica indirizzata a tutti gli indiani interessati. Cinque pagine di un libello cartonato in blu, elegante ma molto pratico per l’uso, sono dedicate alla Puglia dove tra le righe fitte dell’indi compaiono le parole: «trulli» «barocco leccese» «Foggia», Lucera e Troia e «Santa Maria di Siponto» e Peschici, Trani, Molfetta, Gravina, Castellana Grotte, Bitonto e Locorotondo e Martina Franca, fino a Lecce, Otranto, Santa Maria di Leuca e Gallipoli. In primo piano dunque il Gargano, oltre a immagini dei trulli e del Petruzzelli di Bari. All’incontro, presieduto da Eugenio Magnani, direttore generale di Enit, erano presenti 13 operatori (tra alberghi, tour operator e compagnie di crociera) e almeno 300 indiani.
In serata, dopo la caldissima accoglienza per il sindaco di Foggia Orazio Ciliberti che, invitato sul palco del Tata Theatre di Mumbay da Narinder Nayar con Fabio Rugge, ha spiegato le ragioni della promozione del progetto de ‘Le Vie dellla Seta’ e della partecipazione alla Festa Italiana, grande successo per l’Ensemble Giordano di Foggia al Tata Theatre di Mumbay. Ad ascoltare l’esecuzione di ‘All’Opera dopo l’Opera’ vi erano poco meno di un migliaio di persone.
«Siamo onorati – ha detto subito dopo il concerto, Dino De Palma, violino dell’Ensemble Giordano e direttore artistico dell’iniziativa de ‘Le Vie della Seta’ – e soddisfattissimi del fatto che 1000 persone abbiano potuto applaudire l’Opera con un repertorio rappresentativo dei maggiori compositori dell’Ottocento italiano, e soprattutto apprezzarla cosi tanto nonostante i diecimila chilometri di distanza che dividono l’India dalla patria di Giordano ».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright