The news is by your side.

Scellerato Atletico Vieste nel recupero di Promozione

6

Nella giornata dei recuperi relativa alla 16^ giornata, l’Atletico Vieste ha battuto innanzitutto se stesso e regalato agli avversari di classifica una giornata di gloria provocando così l’ennesimo scossone nella classifica del campionato di promozione.
Partita scellerata da parte dei viestani che si sono trovati in superiorità numerica ma che non sono stati in grado di imbastire una azione degna di nota e tirare un tiro in porta nei novanta minuti.Dopo pochi minuti il Vieste che si era trovato in superiorità numerica, al 5′ Magginto entrava duramente su Rocco Augelli e veniva espulso dall’arbitro, sembrava una favorevole occasione per i viestani ed invece quella tensione in campo ha rigenerato più il Castellana che il Vieste.
Vieste apparso svogliato, evanescente ed incapace di imporre il suo gioco, attaccanti viestani isolati, centrocampisti assenti e difesa imbambolata con Franco Cinque protagonista negativo nelle occasioni dei gol dei padroni di casa.
La festa per il Castellana iniziava al 23′ con il gol di Ladogana che sfruttando un rimpalzo favorevole appena dentro l’area ha trafiggeva Bua sul palo di sinistra.
Sulle ali dell’entusiasmo il Castellana trovava il gol del raddoppio su punizione, ancora una volta protagonista Ladogana che riusciva a trovare l’angolo tra una selva di gambe della barriera viestana.
Lo stillicidio terminava al 36′ quando Ladogana si infilava nell’area viestana e con un preciso diagonale riusciva ad uccellare Bua siglando così una tripletta che Franco Cinque ricorderà a lungo!
Nella ripresa il gol di Matteo Silvestri al 5′ non dava i frutti sperati, Vieste sempre più apatico ed assente dal campo, gara praticamente chiusa con 40′ minuti di anticipo per manifesta riluttanza al gioco da parte dell’Atletico Vieste.
E’ stato un Vieste evanescente e poco reattivo, incapace di imbastire anche una semplice trama di gioco, un comportamento irritante di tutta la squadra con una condotta di gara molto superficiale.
Questa volta sotto accusa anche il tecnico Michele Mimmo che non ha convinto la dirigenza viestana sulle scelte che ha operato, non è stata solo una giornata storta della squadra ma sul risultato hanno influito anche le scelte sbagliate del tecnico che ormai non ha più le idee chiare.
Preoccupa questa metamorfosi dell’Atletico Vieste nel momento più importante del campionato, i giocatori sono sembrati molto svogliati ed anche demotivati, preoccupa quel centrocampo che non esprime nessun tipo di gioco, preoccupa quella difesa retta malamente da giocatori che non hanno più attitudini e che non possono dare più certe garanzie.
Il tecnico Mimmo continua nelle sue teorie e giocatori come Fiorenzo Piracci ed Elia Carretto pur reclamati a gran voce vengono sacrificati in panchina con gli immancabili mugugni dei dirigenti che proprio sulla difesa si aspettavano i giusti miglioramenti.
Ormai Michele Gualano non giocherà più, Antonio Chiappinelli sarà assente per un bel pezzo, perché non trovare le soluzioni alternative a queste assenze invece di giocare con attaccanti che spesso vengono isolati dal gioco?
Michele Mimmo deve dare delle risposte concrete a questi interrogativi legittimi già domenica contro il Minervino dove non basterà solo vincere, questo Vieste deve ritrovare al più presto quella spiccata personalità che aveva caratterizzato le prove della prima parte del campionato.
Il campionato di promozione è ancora aperto ad ogni soluzione, se sino a ieri qualcuno aveva ipotizzato la stessa vittoria del Vieste, ora deve sperare che la squadra viestana si svegli dal sonno e riesca a difendere almeno la zona play-off.
Castellana – Atletico Vieste 3 – 1
CASTELLANA: Cuccovillo, Mastellone M., Lovergine, Fanelli, Biasi, Maggipinto, Laera, Bruni, Ladogana (Lopriore), Masi (Loconsole), Pascalicchio (Mastellone C. All: Di Spirito
ATLETICO VIESTE: Bua, Augelli Paolo, Di Iorio (Stramaglia), Cinque, Melchionda, Cariglia, Augelli Rocco, Ducange, Gentile, D’Accardio (Scarano), Silvestri (Patrone). All: Mimmo
ARBITRO: Capilungo di Lecce
RETI: al 23′, 29′ e 36′ Ladogana, al 50′ Silvestri
NOTE: espulso al 5′ Maggipinto per gioco scorretto


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright