The news is by your side.

Scandalo Cassa Rurale Carpino entro marzo la sentenza

10

Entro fine marzo potrebbe essere emessa la sentenza nei riguardi dell’ex direttore della filiale di Carpino della cassa Rurale e Artigiana di S. Giovanni rotondo, Giuseppe Fiorentino, e di altri cinque dipendenti dell’istituto bancario.Il giudice, Michele Nardelli. ha fissato al 31 gennaio l'udienza per ascoltare l'ex direttore e un testimone a suo discarico, Francesco Mosca, titolare della "Producta System", ex "Gargano alluminio". A tamburo battente altre due udienze, i114 e 20 marzo per le arringhe degli avvocati e per ascoltare le richieste del Pubblico ministero. Nella stessa giornata del 20, a meno di fatti nuovi, il giudice entrerà in Camera di con­siglio, in serata forse la sentenza. Nel corso delle ultime due udienze di di­cembre, il magistrato aveva ascoltato venti testimoni, tra i quali il maresciallo della guar­dia di finanza di Sannicandro, Benedetto Asciuti che nel corso della sua lunga de­posizione (cinque ore) aveva ripercorso le tappe dell'inchiesta che ha portato al rinvio a giudizio dell'ex direttore dell'Istituto banca­rio, di cinque dipendenti e di una settima persona. I passaggi più significativi: i movimenti di danaro che ci sarebbero stati, all'insaputa dei titolari di conto corrente, tra i1 2001 e i1 2003, presso la filiale carpinese; l'anno successivo, la denuncia dei correntisti e l'avvio dell'in­chiesta da parte della Procura della Repub­blica di Lucera. Della questione si interessò anche la Banca d'Italia che dispose più di un'ispezione. Insieme all'ex direttore (difen­sore di fiducia, Gaetano De Perna), gli altri imputati sono l'ex presidente dell'Istituto di credito di San Giovanni Rotondo, Giovanni Ercolino (legali Luigi Follieri e Nazario Flo­rio), i cassieri Vittorio Pazienza, Nicola Ur­bano, Angela Urbano, Costanzo Ritrovato, tutti difesi dall'avv. Gianluca Vincenzo Boc­chino; ancora, Michele Vivoli, l'unico non dipendente dell'Istituto bancario (legale Giu­seppe Simone). I capi di imputazione: ai dipendenti viene contestato "il concorso, con più azioni ese­cutive di un medesimo disegno criminoso, con artifici e raggiri consistenti nell'eseguire movimentazioni indebite di denaro, perchè effettuate in assenza di autorizzazioni dei clienti, inducendo in errore la direzione cen­trale dell'istituto bancario circa la legittimità delle operazioni, procuravano a sè e ad altri, un ingiusto profitto, con danno dell'istituto bancario". Per tutti c'è "l’aggravante dell'abu­so della relazione di prestazione d'opera". Per l'ex direttore e i cassieri anche l'accusa di avere eseguito operazioni indebite di de­naro, in assenza di autorizzazione da parte dei clienti, procurando a sè e ad altri un ingiusto profitto, oltre all'aggravante dell'abuso della relazione di prestazione d'opera". Michele Vivoli è accusato di aver "aiutato Fiorentino ad assicurarsi il profitto in re­lazione ad un bonifico di 10mila euro me­diante prelievo dal conto corrente di Nicola Mitrione, e accreditamento in favore della “Bi.ol.ga. dei fili Vivoli s.n.c.), disponendo indebitamente della predetta somma con bo­nifico in favore di Donato Azzarone, suocero di Giuseppe Fiorentino". Parti civili: la Cassa di San Giovanni Ro­tondo, per il "danno d'immagine procurato all'Istituto a seguito di quanto accaduto pres­so la filiale carpinese"; inoltre, Giuseppe Lu­ciani, titolare di un salone automobilistico a Rodi Garganico, nei confronti del solo ex di­rettore della filiale di Carpino.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright