The news is by your side.

Allarmante relazione del presidente della Corte d’Appello di Bari, Caferra

12

Un ricorso di due pensionati ultrasettantenni, presentato nel 2007 per definire un contenzioso con l’Inps, è stato fissato al 27 febbraio del 2013. Il presidente della Corte d’Appello di Bari, Vito Marino Caferra, ha voluto ricordare questo episodio – già oggetto di una interrogazione parlamentare – come emblema di una domanda di giustizia che anche nel distretto di Bari e Foggia appare destinato a non trovare risposte in tempi ragionevoli.
Le disfunzioni elencate dal magistrato, nella sua lunga relazione all’apertura dell’anno giudiziario a Bari questa mattina, ricalcano sostanzialmente quelle già denunciate negli anni scorsi. Dice Caferra: "Quello della durata poco ragionevole dei processi è un vero problema esistenziale, sia degli operatori del diritto, i quali vedono frustrato il loro lavoro, che di tutti i cittadini che attendono giustizia. Ha ragione il presidente della Repubblica: "È in gioco la credibilità del nostro Stato di diritto anche in sede europea"". Una vera e propria emergenza viene segnalata soprattutto nei contenziosi di lavoro e Caferra ha ricordato la cifra record di 20mila processi per magistrato a Foggia e 10mila a Bari. Sul versante della giustizia penale, i dati fanno emergere una particolare recrudescenza per delitti di mafia in alcuni grossi centri della provincia di Foggia, mentre, in positivo, non ci sono maxi-processi nuovi alle cosche mafiose, i quali assorbono enormi risorse. Quelli in atto sono in avanzato stato di definizione. La giustizia minorile è poi sempre all’attenzione della magistratura, dato l’alto numero di minori che continuano ad essere impiegati dalla malavita specie a Bari. Caferra ha offerto una nota positiva in materia, sottolineando il notevole impegno del Comune di Bari che ha implementato le attività sociali e assistenziali della prevenzione e a favore dei minori a rischio. Anche critiche al "protagonismo" di alcuni magistrati ed un richiamo al "rigoroso riserbo" previsto dalla loro funzione sono state espresse da Caferra. Fra i dati della relazione preoccupa il consistente aumento delle rapine (+18,4%) compiute ai danni di cittadini e in abitazioni, che ha sfiorato quota 2.000 delitti accertati; grave l’incremento dei reati di violenza sessuale e pedofilia (+23,4%) che riguarda quasi unicamente i circondari di Foggia e di Trani dove si sono registrati rispettivamente 112 e 84 reati. Aumentano (del 9%) i procedimenti per i reati contro la pubblica amministrazione; sono invece dimezzati (-51%) i delitti compiuti da cittadini stranieri. Inarrestabile viene definito il trend di crescita dei reati in materia dell’ambiente e del territorio (+19%) che hanno toccato quota 1.915. Dopo due anni di forte ridimensionamento tornano invece a salire le truffe (+37,2%).


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright