The news is by your side.

Pendolaria, la campagna nazionale di Legambiente, ha monitorato 2.400 convogli

17

Bari su 147 treni monitorati, solo il 10% ha un ritardo superiore ai 5 minuti.
I treni dei pendolari arrivano con più di 5 minuti di ritardo 3 volte su 10. A Napoli oltre la metà dei convogli (53%) e la stessa sorte tocca ai pendolari di Palermo costretti ad aspettare 1 volta su due (51%). Poco distanti nella classifica dell’attesa Milano con il 39% dei convogli che sforano i 5 minuti seguita da  Bologna e Torino con il 31%.
Le città monitorate sono state: Milano, Trento, Torino, Padova, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Capo d’Orlando, Messina.  Dal 21 al 25 gennaio, nella fascia oraria che va dalle 7 alle 10 del mattino, i volontari di Legambiente hanno tenuto sotto controllo gli arrivi in stazione nell’ambito di “Pendolaria 2008”, la campagna che punta i riflettori sui problemi di chi viaggia in treno e sulla necessità di un rilancio del trasporto ferroviario locale.
I dati sono stati rilevati prendendo come orario d’arrivo l’effettiva discesa del passeggero dal treno, diversamente da quanto previsto dal criterio applicato in tutta Europa per cui è l’orario d’arrivo del treno sul marciapiede quello che conta. Il rilevamento però, coerentemente con quanto previsto in ambito europeo e dalla stessa Carta dei Servizi sottoscritta dalle associazioni dei consumatori ha preso in considerazione solo i ritardi superiori ai 5 minuti. Ebbene dei 2.414 treni monitorati 718 sono arrivati con oltre 5 minuti di ritardo. Primato negativo a Napoli con il 53% dei convogli fuori orario seguita da Palermo con il 51%. Sempre in Sicilia le province dove i treni si fanno attendere di più. A Capo d’Orlando arrivano oltre l’orario previsto il 55% dei treni mentre a  Messina e Catania, rispettivamente il 27% e il 26%. Problemi di puntualità anche per i treni in arrivo a Genova, dove sforano i 5 minuti il 28% dei convogli seguita da Roma con il 25%.
A Bari la situazione del trasporto pendolare non può certamente dirsi sconfortante visto che ha fronte di 147 treni monitorati solo il 10 % ha registrato un ritardo superiore ai 5 minuti, il 42% dei treni è arrivato puntuale o in anticipo e il 48% dei treni sono arrivai in un ritardo compreso nei 5 minuti. Il picco del ritardo di 77 minuti è stato registrato sull'InterCity notte da Trieste.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright