The news is by your side.

Vieste – IN CONSIGLIO COMUNALE NON DECOLLA L’AEROPORTO

9

 

Nel Consiglio Comunale riunitosi nella mattinata di giovedi scorso 7 febbraio sono stati discussi tutti e dieci gli argomenti posti all’ordine del giorno. Nel complesso la seduta è stata caratterizzata da due fasi. La prima parte, inerente gli argomenti più significativi ("Vieste Card" e la tipizzazione aeroportuale di un'area in località Piano Grande) si è dilungata ed a tratti ha avuto anche dei toni accesi. La seconda parte, invece riguardante gli altri otto accapi, è stata liquidata in meno di dieci minuti d’orologio!

La seduta è iniziata con la lettura da parte di Pasquale Pecorelli, consigliere delegato al porto turistico, del documento d'aggiudicazione della gara sulla gestione dell'infrastruttura. In merito lo stesso Pecorelli ha assicurato che l’iter burocratico, ovvero la pubblicazione dell'esito della gara sulla Gazzetta Ufficiale Italiana ed Europea, non prenderà più di tre mesi per cui è molto probabile che la società aggiudicataria potrà gestire in pieno il porto turistico forse già da quest'estate.
Si sono poi succeduti degli interventi, da parte di rappresentanti dei vari gruppi politici, sia di maggioranza che di minoranza, per esprimere solidarietà al vice sindaco Saverio Prencipe per l'increscioso tentativo di aggressione che lo ha riguardato. A tal proposito il vice sindaco ha dichiarato che andrà fino in fondo alla vicenda, visto che si tratta della seconda aggressione, e che provvederà a denunciare il tutto al Prefetto in quanto a suo avviso si tratta di episodi non occasionali ma premeditatamente organizzati per screditare la sua persona. Peratro queste intimidazioni, ha dichiarato Prencipe, "hanno cambiato il modo di vivere di tutta la mia famiglia che è in preda al terrore".
Poi si è passati a discutere l'ordine del giorno. Sull’istituzione della "Vieste Card" e della relativa convenzione con le strutture turistiche per l'acquisto delle tessere, dopo la dettagliata relazione dell’assessore al Turismo Nicola Rosiello, c’è stata una breve discussione. Tra gli intervenuti Aldo Ragni che ha precisato come nessuno dei servizi inseriti nella convenzione predisposta a tutt’oggi esiste. Forse quello più reale, ha detto l'esponente del PD, riguarda il trasporto pubblico, per cui ha invitato l’assessore Rosiello ad attivarsi in tal senso. L’argomento è stato poi approvato all’unanimità dei presenti.
Si è così passati alla variante al Piano Regolatore Generale per l'apposizione di un vincolo di tipizzazione su delle aree in località Piano Grande dove si pensa di andare a realizzare un aeroporto turistico di terzo livello. Sul tema c’è stata una lunga ed a tratti anche accesa discussione. Dopo la relazione dell’assessore al Turismo Nicola Rosiello, che ha spiegato le ragioni per cui si vuole perseguire quest'iniziativa, a seguito della presentazione da parte di privati ed aziende turistiche, di un primo studio di fattibilità per un'infrastruttura ormai indispensabile per supportare l'economia turistica garganica, si è passati al dibattito.
Per il PD Michelangelo Di Candia nel suo intervento ha riferito come privati cittadini, fra cui anche proprietari di terreni interessati al vincolo (attraverso una lettera indirizzata al sindaco), hanno espresso il loro dissenso per l'iniziativa proposta non condividendola e protestando un danno reale nei loro confronti. A parere di Di Candia, vista l'importanza di dotarsi di un'infrastruttura aeroportuale, per un turismo garganico che sta candendo nell’isolamento, la questione andava affrontata con più metodo e con il coinvolgimento di tutte le categorie produttive. Pasquale Pecorelli '44, capogruppo consiliare di Forza Italia, nel ribadire la validità della proposta ha voluto ricordare come un'iniziativa simile era già stata avviata dalla precedente amministrazione (progetto "Luna Rossa") spiegando nel contempo di condividere talune preoccupazioni espresse dal consigliere di opposizione Di Candia.
A quel punto si è deciso di sospendere la seduta per approfondire meglio l’iter procedurale. I componenti della Giunta ed i consiglieri di maggioranza in conclave per decidere sul da farsi. Dopo circa venti minuti di riunione, sul cui esito nulla era trapelato, gli esponenti della maggioranza sono tornati in aula per proseguire il Consiglio Comunale. A quel punto la decisione assunta è stata esplicitata: quell’argomento per l'apposizione di un vincolo di tipizzazione aeroportuale è stato ritirato su proposta del capogruppo di Forza Italia Pasquale Pecorelli '44. La decisione del ritiro dell'accapo, uscita dalla riunione di maggioranza, non è stata gradita dall’assessore al turismo Nicola Rosiello, che nel frattempo è andato via, ma anche dal sindaco Ersilia Nobile che ha mostrato di aver mal digerito la posizione assunta.
Poi tutto è filato liscio. Il resto degli argomenti è stato liquidato in meno di 10 minuti.
La decisione del ritiro dell'accapo è sembrato mettere in evidenza una certa insicurezza, se non anche scarsa coesione interna della maggioranza, soprattutto fra vecchi e nuovi amministratori, su argomenti di così grande importanza (erano assenti i consiglieri Di Rodi e Zaffarano).


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright