The news is by your side.

VERSO IL DERBY..DAUNIA VIESTE – VIESTESE

3

Nel campionato di seconda categoria dopo la 22^ giornata in testa alla classifica è già in fuga il Foggia incedit con 54 punti, ben 6 punti di vantaggio sull’Ordona che insegue.Per le viestane è un campionato all’insegna della sofferenza e sicuramente ben al di sotto di ogni scettica previsione, evidentemente non è stato solo un problema di organico ma anche strutturale.
La Viestese forse riuscirà a tirarsi fuori dalla zona play-out ma deve evitare altri capitomboli clamorosi, solo nel girone di andata aveva rimediato ben 7 sconfitte di cui 2 in casa, solo 5 le vittorie, ancora peggio nel girone di ritorno, 4 sconfitte di cui 2 in casa nelle prime 6 partite.
Massimo Olivieri non si spiega questo inizio di girone di ritorno davvero allucinante, come suo solito vuole minimizzare ma è consapevole che la sua squadra è davvero fragile e rischia di finire nella zona play-out se non riesce a dare una sterzata a questi risultati molto altalenanti.
Domenica scorsa la Viestese è stata costretta ad una sosta forzata, il Pietramontecorvino non si è presentato, sarà vittoria a tavolino..ma Olivieri ora deve preparare il derby con la Daunia Vieste.
La Daunia Vieste stà disputando questo campionato in assoluto anonimato, lontano dai riflettori e dai taccuini, nessuno ne parla e nessuno la segue, orfana dei tifosi ed anche dei suoi stessi dirigenti.
Gli irriducibili Matteo Sciannamè e Michele Mangino con la “benedizione” del patron Antonio D’Aprile stanno continuando la loro missione e giurano che la porteranno fino al termine con onore!
I numeri sono davvero impietosi. Solo 8 punti in 22 partite, 18 reti segnate e 56 subite frutto di 1 vittoria, 5 pareggi di cui 2 in trasferta e 16 sconfitte di cui 7 in casa.
Santino Lapomarda non si scompone più di tanto e sereno ci racconta la sua avventura: “quando ho accettato l’incarico sapevo di andare incontro a queste difficoltà..non sapevo però che non potevamo allenarci su un campo di calcio e quindi questo imprevisto ci ha danneggiati molto”….”ci siamo inventati mille strategie per tenere unito il gruppo e forse non pensavo di poterci riuscire, questo grazie alla maturità di tutti i ragazzi che hanno capito le difficoltà e quindi hanno deciso di soffrire insieme a noi sino alla fine del campionato”….”il patron Antonio D’Aprile non ci ha fatto mancare nullla…garantendoci solo l’indispensabile..quello che serviva per andare avanti..tutto il resto è stato solo cuore e sofferenza di chi ha voluto accettare questa scommessa”..”ora..prosegue Santino Lapomarda..cominciano a vedersi i primi risultati che non stanno certo nei numeri ma nella nostra mente..i ragazzi sono pronti per i play-out”…”domenica abbiamo il derby con la Viestese..sarà una partita vera e noi c’è la giocheremo senza risparmiarci..dobbiamo essere leali”.
La Daunia Vieste raccontata dal tecnico Santino Lapomarda può essere certamente rivalutata rispetto alla classifica, ha saputo nel silenzio ritrovare le sane motivazioni e sicuramente sarà in grado di giocarsi tutto nella finale play-out.
Gianni Salcuni, Claudio Coda, Gaetano Trimigno, Antonello De Meo sapranno trasmettere ai compagni la giusta carica per migliorare sempre più quella voglia di giocarsi tutto in novanta minuti.
Santino Lapomarda si è dimostrato un tecnico serio ed anche competente, non ha voluto garanzie quando ha accettato l’incarico ed ora stà componendo un mosaico che molti ritenevano impossibile.
Domenica si giocherà il derby Daunia Vieste – Viestese, la gara avrà inizio alle ore 10:00 sul neutro di Peschici..sarebbe opportuno che i tifosi viestani seguissero la gara applaudendo in egual misura sia i giocatori della Daunia Vieste che della Viestese per i sacrifici che stanno facendo, orfani di qualsiasi attenzione mediatica stanno onorando lo sport.
                                  Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright