The news is by your side.

«Giallo» a Lisbona: sgozzata giovane salentina

10

Marilina Ciraudo era originaria di Surbo e risiedeva in Portogallo da sei anni. Da appena 15 giorni si era trasferita nell'appartamento della capitale portoghese che aveva comprato un mese fa. A causa del cattivo odore che proveniva dall'abitazione, un vicino ha chiamato la polizia. Gli agenti l'hanno trovata morta, seduta sul divano, con una profonda ferita alla gola.

 

Una italiana è stata trovata morta a Lisbona. La donna, che risiedeva in Portogallo da sei anni, si chiamava Marilina Ciraudo era nata a Porto Cannone (in provincia di Campobasso) ma era cresciuta a Surbo, in provincia di Lecce. Secondo la stampa portoghese, la polizia ha risposto a una chiamata di un vicino che si lamentava del cattivo odore che proveniva dall’appartamento che la Ciraudo aveva comprato un mese fa e dove si era trasferita da appena 15 giorni. Gli agenti l’hanno trovata seduta sul divano: era morta da alcuni giorni e aveva una profonda ferita alla gola. Sembra che non mancasse nulla dall’appartamento.

Aveva 39 anni e il suo nome di battesimo era Maria Drisolina Anna. Era figlia di Antonio Ciraudo, maresciallo dei carabinieri in pensione, che si era trasferito nel Salento proprio per lavorare nella stazione dell’Arma di Surbo, e di Grazia Scarcia. Lascia anche la sorella Antonella e il fratello Domenico.
Fino al 2001, aveva lavorato a Radio Ciccio Riccio di Brindisi ed era conosciuta nel Salento ed anche fuori provincia come una brava dee jay. Spesso andava in giro per città e paesi nelle piazze e nei locali in occasione di manifestazioni e feste. Sulla carta di identità, la sua professione è quella di giornalista

Sulla morte della donna sta indagando la polizia giudiziaria portoghese, che solitamente indaga sui casi di omicidio. E sebbene la notizia non abbia trovato conferme ufficiali, pare che la Ciraudo, trovata in pigiama su un divano con una sigaretta spenta, sia stata colpita con un’arma da taglio alla gola. Non ci sarebbe però traccia del coltello o della lama che l’ha uccisa. La morte risale sicuramente a diverso tempo prima del ritrovamento del cadavere, scoperto giovedì sera dalla polizia. 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright