The news is by your side.

Calcio – VIESTESE, RIDOTTE LE SANZIONI?

8

Notizie dell'ultimora: il giocatore Antonio Savastano ha contattato l'arbitro Bellucci ed ha chiarito i fatti accaduti nel dopo partita col Celle San Vito, il sig. Bellucci si è detto disponibile ad un supplemento di referto e quindi non è escluso una riduzione della pena per il giovane Savastano..speriamo bene!

 

Caro presidente Tisci, la Viestese non e’ una squadra di delinquenti. L’arbitro non e’ l’unico depositario della verita!!

Il campionato di seconda categoria quest’anno doveva essere appassionante per la presenza di due squadre viestane, la Viestese e la Daunia Vieste. Entrambe partite con buoni propositi. Con la Viestese appena retrocessa dalla prima categoria tra le squadre favorite. Mentre la Daunia Vieste orgogliosamente  tutta viestana doveva disputare un campionato tranquillo.
Invece, un girone di andata disastroso per entrambe. Una bocciatura senza appelli soprattutto per la Viestese di Massimo Olivieri. Il campo ha presto restituito un’amara verità: quei viestani che dovevano riscattare la propria immagine alla fine hanno subito l’ennesima bocciatura ed hanno così vanificato gli sforzi dei dirigenti che hanno creduto in loro.
La Viestese senza il patron Michele Mattera è andata lentamente alla deriva. La Daunia Vieste col patron Antonio D’Aprile si stà concentrando sui play-out nella speranza di salvare la stagione.
La Daunia Vieste ha disputato un campionato anonimo dai contorni farseschi, una vera armata brancaleone. La squadra di Santino Lapomarda sembra aver giocato solo per passatempo non dando mai l’impressione di “vergognarsi” del suo score fatto di ben 19 sconfitte di cui 8 subite in casa in sole 25 partite. E non parliamo poi dei tanti i gol subiti.
Alla fine la Daunia Vieste di Santino Lapomarda è diventata persino simpatica ed ora che la squadra comincia ad avere una sua fisionomia ecco la geniale trovata del patron Antonio D’Aprile, tifosissimo della sua Daunia Vieste, lui il tenace presidente ha deciso di “affittare” per la finale play-out due giocatori. I nomi trapelati sinora sono quelli di Massimo Chiumento, Giovanni Patrone e forse anche il portiere Michele Ricci.
La Viestese invece sembra caduta davvero in disgrazia: autogestita da Massmo Olivieri e Matteo Monacis, che con sacrificio stanno portando a termine il campionato. Ma i risultati conseguiti sul campo sono molto penalizzanti. Le ultime tre sconfitte consecutive hanno relegato la Viestese nei bassifondi della classifica e il clima negli spogliatoi è davvero pesante.
In settimana si sono visti gli effetti di questa tensione con le decisioni prese dal Giudice Sportivo che ha scambiato la già “depressa” Viestese per una squadra di delinquenti.
L’arbitro Bellucci della sezione di Foggia che ha diretto la gara tra Viestese e Celle San Vito giocata domenica scorsa sul neutro di Peschici non ha valutato correttamente gli episodi ed ha refertato fatti che non sono mai accaduti, rovinando così l’immagine di una società come la Viestese assolutamente lontana da certi fatti.
Un campionato disputato con sacrifici e passione e sull’orlo dell’autogestione non può essere sconquassato da superficiali decisioni presi da un’esperto e giovane arbitro, sicuramente non all’altezza del campito.
Il capitano Carlo Vespa incredulo per le decisioni del Giudice Sportivo vuole un confronto con l’arbitro affinchè riveda certi giudizi sulla Viestese: “durante la partita – sostiene Vespa – ci sono stati dei nostri errori, delle proteste un po’esagerate, ma il direttore di gara ha decretato due ammonizioni consecutive ai due nostri giocatori abbastanza discutibili e quindi li ha espulsi lasciandoci in 9 contro 11”..”gli avversari sono stati avvantaggiati da questo comportamento del sig. Bellucci che ha svolto in perfetta regola il ruolo del giustiziere assegnando al Celle San Vito un bel calcio di rigore che poi ha decretato la nostra sconfitta. E’ vero ci sono state nostre proteste, ma nessuno ha aggredito l’arbitro, anzi io stesso, ho accompagnato il Sig. Bellucci negli spogliatoi ed ora mi ritrovo con 2 giornate di squalifica”.
Il Presidente, della Federazione, Vito Tisci si è lasciato andare a giudizi molto negativi sulla Viestese, alludendo a gesti violenti.Ma non è così che si può liquidare la vicenda, proponendo addirittura la radiazione di un giovane calciatore come Antonio Savastano, trattandolo come un delinquente.
Bisogna avere il coraggio di ristabilire la verità ed avere un confronto d’ufficio con il Sig. Bellucci che non ha nessun diritto di rovinare l’immagine di una società sana e corretta come la Viestese che lontana dal suo campo non ha fatto mai valere l’intimidazione, ma ha sempre accettato il verdetto del campo. La verità è che gli arbitri quando non sono all’altezza devono essere puniti!

                                                 Michele Mascia

LE DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO

Inibizione a svolgere ogni attivita’ ai sensi art.19 C.G.S. fino al 30/ 6/2008 al sig.  MONACIS MATTEO (VIESTESE)  a fine gara, in segno di protesta, entrava sul terreno di giuoco dirigendosi con fare minaccioso verso il direttore di gara, proferendogli frasi gravemente minacciose, irriguardose, ingiuriose. Nonostante il pronto intervento di alcuni giocatori, lo stesso continuava a dimenarsi cercando di aggredire il direttore di gara, senza tuttavia riuscirvi. (1° RECIDIVA)  

Squalifica fino al 3/ 4/2013
SAVASTANO ANTONIO                                             (Viestese)
A fine gara, mentre l’Arbitro faceva rientro negli spogliatoi, si avvicinava al medesimo proferendogli frasi gravemente ingiuriose ed irriguardose. Sostava nei pressi del proprio spogliatoio in attesa che transitasse il direttore di gara e avvicinatosi al medesimo, lo colpiva con un forte calcio alla coscia destra procurandogli intenso dolore e successivo ematoma nella zona interessata. Successivamente al calcio sferrato, rientrava frettolosamente nel proprio spogliatoio con il chiaro intento di non farsi riconoscere. (CON PRECLUSIONE DEFINITIVA)

Squalifica per due gare effettive
CIAVARELLA SAMUELE                                          (Viestese)
VESPA CARLO                                                            (Viestese)
Squalifica per una gara effettiva
AZZARONE FRANCESCO                                         (Viestese)
TOTARO ALBERTO                                                    (Viestese)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright