The news is by your side.

…un giorno speciale…

43

Il calendario dei viestani, in questo periodo recita…

…7 maggio… 8 maggio… novemaggio… 10 maggio…

Novemaggio, non 9 maggio o, ancora peggio, 9/5… no, oggi per i viestani è il novemaggio.
Si, perchè, per il viestano, "novemaggio", anzi, "Novemaggio" è diventato un sostantivo, come Capodanno, Ferragosto…

La magia che circonda la giornata odierna… viva, intensa… non svanisce negli animi di chi ha dovuto lasciare la propria terra natìa per cercare fortuna all’estero.

La magia del Novemaggio è racchiusa in questa poesia:

Nostalgia di un emigrato
di Maria Maddalena Iavicoli

Quann u sol chel dret la muntagn
j penz semp a te, paes mij,
e stu cor che è rumes jnt la campagn
c streng p’ la troppa nustalgij.

Da tutt u munn la genta fruster
ven a vdè sta b’llezz d la natur:
tin u scugghj che aiut i marner
e spiagg, murg, grott, copp e chianur.

 

T’ agghj lasset p scì fatgann,
aveva da u pen ai figghj mij.
J non penz a Ferragost e a Chep d’ann:
vogghj turnà da te a Santa Marij.

 

Vist,
te vech nnant a me
a tutt l’or !
D la rin’ch e di sting
sent l’addor,
du cil e u mer tuv
vech u ch’lor!
Vist, Vista mij,
vogghj turnà da te
nnanz che mor!
 
 

 

Quando il sole tramonta dietro la montagna
io penso sempre a te, paese mio,
e questo cuore che è rimasto dentro la campagna
si stringe per la troppa nostalgia.

Da tutto il Mondo la gente forestiera
viene a vedere questa bellezza della natura:
hai lo scoglio del faro che aiuta i marinai
e spiagge, coste, grotte, colline e pianure.

Ti ho lasciato per andare a lavorare,
dovevo dare il pane ai miei figli.
Io non penso a Ferragosto e a Capodanno:
voglio tornare da te a Santa Maria.

Vieste,
ti vedo davanti a me
a tutte le ore !
Dell’origano e dei lentischi
sento l’odore,
del cielo e del mare tuo
vedo il colore !
Vieste, Vieste mia,
voglio tornare da te
prima che io muoia!


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright