The news is by your side.

Vico, per il subcommissario solo bugie nel libro bianco sul servizio 118

47

Il sub commissario dell’Asl Foggia, Savino Inchingoli, assicura che per quanto riguarda il Gargano nord non ci sa­ranno penalizzazioni sul fronte dell’assistenza sanitaria. Anzi, l’Asl a Vico e Vieste sta poten­ziando la radiologia, con tecnologie avanzate e per farla funzionare 24 ore su 24; a Vico del Gargano, inoltre, si sta procedendo alla istal­lazione di una Tac; il laboratorio d’analisi dei poliambulatori continuerà a funzionare, nè è prevista alcuna contrazione degli organici per i punti di primo intervento.
E sempre a proposito dei laboratori di analisi, gli stessi centri di pri­mo intervento potranno effettuare con i «mi­nilab» quelle indagini necessarie per gestire le situazioni cliniche anche quando il laboratorio­centrale è chiuso. Altra situazione sulla quale il sub commis­sario Inchingoli vuole fare chiarezza riguarda la posizione degli infermieri in servizio nei cen­tri di primo intervento di Vico e Vieste: «non saranno spostati perchè la riorganizzazione che è all’attenzione della Regione, riguarda solo i medici». Se i punti di primo intervento e le po­stazioni del 118 dovessero essere gestite da me­dici del 118 – spiega Inchingoli – i medici del punto di primo intervento, che sono dipendenti Asl assunti per il presidio ospedaliero del Gar­gano mai istituito, potranno espletare il loro –    servizio presso il pron­to soccorso ospedaliero. Quanto poi al cosid­detto «libro bianco», per il sub commissario si tratta soltanto di un «contenitore vuoto, tant’è che – dice -la commissione regionale per il controllo del ser­vizio di emergenza sa­nitaria 118, dopo aver esaminato l’intera do­cumentazione ha rite­nuto che gli esposti pre­sentati dal segretario aziendale dell’Asl Fog­gia siano privi di fonda­mento». II «libro bianco» risale al 2007 ed elenca presunte inadempienze, disservizi, disfunzioni e presunti illeciti che si perpetuerebbero ancora oggi nei centri di primo intervento 118 del Gar­gano nord: i medici scesero anche in sciopero per richiamare su queste e altre problematiche l’attenzione dell’opinione pubblica e delle au­torità. Nel «libro bianco» si denunciava anche che «a cinque anni di distanza dall’avvio del 118 sul territorio del Gargano nord, il quadro che emerge è disastroso; le condizioni di assoluta improvvisazione presenti nel primo anno di vi­ta si sono procrastinate nel tempo, frutto di as­soluta ignoranza del territorio con una gestione priva di programmazione e senza una volontà di raccordo con la varie realtà operative».
La commissione regionale alla denuncia ha replicato ricordando che «l’Asl Foggia ha adot­tato tutti i provvedimenti necessari ad assicu­rare un corretto funzionamento del sistema di emergenza territoriale del 118, nel pieno rispet­to della normativa nazionale e regionale, attual­mente vigente e risulta inoltre che è in atto un costante miglioramento del sistema di emergen­za sanitaria 118».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright