The news is by your side.

La Capitanata sarà protagonista di un evento dedicato al culto dell’Arcangelo Michele

41

L’Arcangelo Michele sarà protagonista di un evento senza precedenti che si terrà dal 1 al 27 luglio: La Via Francesca: sulle strade dell’Arcangelo Michele. I Comuni interessati dal passaggio degli eventi itineranti sono tredici: Serracapriola, San Paolo di Civitate, Torremaggiore, San Severo, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Monte Sant’Angelo, Rignano Garganico, Manfredonia, Foggia, Lucera, Troia e Bovino.
L’evento, patrocinato da Provincia di Foggia, Regione Puglia e Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia vede la partecipazione di numerosi Enti e Associazioni tra cui spiccano per impegno e prestigio l’Accademia di Belle Arti di Foggia, il Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” di Foggia, le sezioni provinciali di Slow Food e AVIS e l’Associazione Nazionale Bersaglieri, sezione di San Giovanni Rotondo (n.d.r. che ospiterà il raduno nazionale 2009).
Il fine è quello di realizzare una rete di contatti sul territorio tra le diverse e varie Amministrazioni, Enti e Associazioni per realizzare e promuovere il territorio di Capitanata, ricco di storia, tradizioni e paesaggi da quadro d’autore, ma che non possiede una cabina unica di regia che sappia proporre e rilanciare il territorio.
Ogni città avrà una programmazione dedicata in cui verranno proposti spettacoli, mostre, rappresentazioni teatrali, convegni, workshop, seminari ad alto spessore culturale in luoghi caratteristici e significativi, per valorizzare e far conoscere innanzitutto alla gente del luogo le proprie meraviglie e far nascere in loro non solo la conoscenza ma anche la consapevolezza dell’importanza di vivere nella terra dei Dauni.
La Capitanata o Daunia è stata meta, per secoli, di pellegrinaggio presso la grotta dell’Arcangelo Michele in quel di Monte Sant’Angelo (n.d.r. Prossima a divenire patrimonio dell’UNESCO).
Numerose erano le strade che i pellegrini percorrevano per arrivare al cospetto del Principe Celeste; questi itinerari partivano da Roma, sede del Papato, e giungevano fin sulla montagna sacra. L’antico cammino che giungeva nella città eterna dal nord Europa viene chiamato via Francigena, mentre, l’attuale percorso che dalla Valle di Stignano sale a Monte Sant’Angelo è conosciuto come Via Sacra Langobardorum, in onore del popolo longobardo che per primo professò il culto micaelico.
In realtà, un vero e proprio percorso come quello francigeno o di Santiago de Compostela, in Spagna, non esiste: la via Francigena del sud o Via Francesca è l’insieme di più percorsi, distribuiti su tutto il territorio dauno.
Nel tempo, al culto micaelico si sono aggiunti quello mariano e di San Pio da Pietralcina, che hanno notevolmente contribuito ad arricchire il territorio di numerose testimonianze artistiche, culturali e storiche.
Un grande eventi sui generis che si propone, in futuro, come capofila di numerose inziative volte a rilanciare il territorio in Italia e nel mondo.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright