The news is by your side.

Provincia, “Siamo rimasti al ciucciariello che tanto piaceva ai tedeschi…” (3)

39

Una cartolina dal Gargano, di quelle che non si usano più. La in­vierebbero operatori turistici e rappresentanti politici del pro­montorio di mare e montagna. Per scrivere due parole ad Anto­nio Pepe: Che dia importanza ai luoghi dove si produce. Che la provincia attiri gli investimenti infrastrutturali della Regione".
Paolo Rosiello, operatore turi­stico della zona, ha perso la fidu­cia nella politi­ca, anzi, sono i politici a "non credere più in noi". Perché la superstrada si ferma a Vico, . perché dopo la galleria per Mat­tinata non si è fatto più nulla, per­ché dal "ciucciariello che apprez­zavano i tedeschi tutto è rimasto identico". Se la prende con un ae­roporto che non decolla, con la predilezione "salentina" dei po­litici a danno del Gargano. "E chi sono i ministri della Puglia?- si chiede retoricamente- Adriana Poli Bortone e Raffaele Fitto che fanno gli interessi della loro zo­na." Disilluso nei confronti della politica perché, realmente, non riesce a spostare nulla, dirotta la ricognizione a livello regionale: "Elena Gentile è assessore ai ser­vizi sociali e in più è di Cerignola, conosce meglio quei problemi". Intanto i tempi perla formazio­ne della giunta sono serrati, quel­li decisivi per dare voce al territo­rio. La rassegnazione è quella di chi da anni vede la politica inca­pace di soluzioni mentre, a rima­nere, è la stoffa dell’imprendito­re: "quello che abbiamo lo dob­biamo alla nostra capacità, se aspettavamo la politica stavamo ancora al ciucciariello". In corsa per uno scranno a Palazzo Doga­na, di quella zona, non c’è nessu­no. Pepe aveva detto che "le civi­che non dovevano essere rappre­sentate e che gli assessori dove­vano provenire dall’esterno". Sfogo di Cecchino Damone che, in zona, ha molti consiglieri. Al­tro imprenditore del turismo, ambito in cui si è speso molto, in programmi, il presidente Pepe è Gigi Manzionna. "La politica ha le sue logiche, dopo l’incendio abbiamo detto e ridetto che c’era bisogno di un intervento forte, invece? La questione della Club Air, ci lascia al palo. Serve il deci­sionismo in Provincia e che il ter­ritorio sia adeguatamente rap­presentato". L’assessore al turi­smo di Vieste, NicolaRosiello evi­denzia quanto il promontorio abbia contribuito al "successo del Pdl", successo non adeguatamente ricompensato in termini di rappresentatività. "Non ab­biamo raggiunto l’unità intorno ad una persona e ad un nome, chi assisteva a questa fase prepara­toria non ha fatto nulla per age­volarla, è rimasto a guardare. Mi riferisco al segretario provinciale di Forza Italia". Della riunione a Lesina è informato: "Capisco che ci si incontri ma bisogna propor­re dei nomi che sintetizzino il Gargano. Il fatto è che nelle di­verse fasi eletto­rali si sono pro­poste varie per­sone, Carmine D’Anelli, Rocco Ruo, Raffaele Vi­gilante, Mario Trombetta, ex sindaco di Car­pino, ma nessu­no è riuscito a catalizzare il consenso. Questo è un limite del Gargano. Se saranno capaci di fa­re una proposta seria ci sono an­cora i margini per dare un nostro nome". Carmine D’Anelli, il sin­daco di Rodi, risponde alle que­stioni con asciutto pragmatismo: " Ancora a pensare chi deve esse­re assessore! La stagione incalza, i turisti -meno male- stanno già sulle spiagge e noi siamo il primo Comune che ha pronto il cartel­lone estivo, dal 15 giugno al 15 settembre". Impegni turistici ed istituzionali, nei paesi sul mare si accavallano. Per il resto la giunta può "cambiare, è dinamica, non statica". Spiegazione di D’Anelli: "Meglio fare il consigliere, che poi come assessore c’è il rischio di andare a casa, e poi la giunta senza consiglio non conta". Le piace una giunta a termine?: "Può cambiare, ad esempio Ste­fano Pecorella fa l’avvocato, vive di questo e siccome potrebbe non occuparsi a sufficienza di politica, Pepe lo può cambiare".

P.L.
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright