The news is by your side.

Presentata la prima Fiera del Gusto e del Turismo Enogastronomico

6

Si svolgerà a Vieste dal 17 al 21 luglio.

 

La conferenza stampa di pre­sentazione della Fiera del Gu­sto e del Turismo Enogastrono­mico diventa sede ideale di un annuncio da parte dell’asses­sore provinciale al turismo Ni­cola Vascello: "Le soluzioni per dare una svolta al turismo sono tre: il Gino Lisa, soluzione che comunque al momento sem­bra poco praticabile, la pista per i voli charter di Vieste, e Amendola, per la quale (udite udite) a breve spero di poter comunicare una sorpresa. In ogni caso il mio auspicio è che almeno una delle tre opzioni possa concretizzarsi, non dico per i voli di linea ma almeno per i voli charter". Volare in dire­zione Gargano è ciò che si au­gurano tutti i presenti alla conferenza di ieri presso il "Ristorante in Fiera". U n emozionato Daniele Cir­ciello, respon­sabile marke­ting della Solu­tion Groups S.r.l., organiz­zatrice dell’e­vento, ha in­trodotto gli ospiti presen­ti: Enrico San­taniello, Presi­dente del con­siglio provin­ciale, Nicola Rosiello asses­sore al turismo di Vieste e ap­punto Vascel­lo. "Sono qui per dimostrare l’interesse di tutto il consi­glio provincia­le verso inizia­tive come que­sta", ha esordi­to Santaniello. "Siamo certi che 1’enoga­stronomia è uno dei punti di forza di que­sta terra ed è importante mettere in atto attività di pro­mozione come la Fiera de1 Gu­sto di Vieste". Fiera che si svolgerà dal 17 al 21 luglio presso il Lungomare Eu­ropa di Vieste dalle 17 alle 23, con ingresso libero. "Per 1’e­vento è previsto il collegamen­to satellitare così da portare la manifestazione fuori dal terri­torio. Quando parlai per la pri­ma volta con Rosiello ci tro­vammo in perfetta sincronia, tutto il resto è stato facile". Per l’assessore viestano "questa è davvero una grande occasione per il territorio per rilanciare in maniera trasversale le nostre risorse. Non solo mare ma an­che prodotti tipici. Perciò sia­mo entusiasti. Fin dall’inizio abbiamo pensato che Vieste fosse perfetta nel prestarsi co­me vetrina di tutto il territorio. Un territorio – rileva Rosiello – troppo spesso presentato in modo non omogeneo". All’ap­puntamento di luglio è prevista la presenza, si spera massiccia, degli operatori dei settore: "Un’occasione più unica che rara per provare a fare sistema, mettersi insieme. Sono anni che si parla di "fare sistema" ma finora ci sono sempre stati po­chi riscontri. Ora ci presentia­mo in maniera unita, per dimo­strare che si può valorizzare an­che altro, oltre alla risorsa ma­re. E ringrazio Circiello e la Solution Groups per aver organiz­zato l’evento, che poi è anche un modo per ottenere il giusto riscatto dopo essere rimasti fuori dall’esecutivo provincia­le- e ancora – il fatto che l’even­to sia realizzato a Vieste è im­portante. La città può così fre­giarsi di essere la capitale del turismo regio­nale. Giungere a Vieste nei giorni della Fiera di luglio è un’occasione non solo per gli espositori, ma per tutti i no­stri ospiti, per poter saggiare le nostre tradi­zioni enoga­stronomiche, capire l’im­portanza dei nostri prodotti della terra e del mare, ma an­che cimentarsi con il nostro artigianato, semplice e po­vero, forse, ma di particolare impatto ed emozione. L’auspicio quindi, è che questa la Fiera del gusto del Gargano sia fo­riera di succes­si per tutti, per noi ammini­stratori pub­blici, per gli espositori e per la platea di ospiti presenti sul Gargano nel periodo estivo". L’as­sessore pro­vinciale Va­scello, nel suo intervento, non ha solo an­ticipato im­portanti no­vità sui voli, fa­cendo un di­scorso molto più ampio: "Ho accettato l’incarico da assessore con orgoglio. Ora ho una grande opportunità: sviluppare le nostre eccellenze. Sono 4milioni e 300mi1a le pre­senze turistiche sul Gargano, il 40% in tutta la Puglia. Questo dimostra come il Gargano sia il territorio principe del turismo pugliese". Non mancano i lati oscuri, o meglio, "i punti di cri­ticità" come li chiama Vascello: "Le attività degli enti che si oc­cupano di turismo sono slegate tra di loro. Il mio impegno è quello di far sedere attorno a un tavolo quelli che io chiamo i due sistemi del turismo: il Gar­gano e i Monti Dauni, per evita­re che vengano impegnate tan­te risorse per iniziative che poi finiscono per sovrapporsi. So­no sicuro di poter risolvere il problema. Questo è uno degli impegni che ho preso e che vorrò portare a termine nel breve tempo". Sulla Fiera l’asses­sore al turismo ha poi detto: "E’ un evento rilevante. Il connu­bio mare -enogastronomia è senza dubbio vincente. Ora l’offerta turistica è davvero ad ampio spettro’.
Gennaro Pesante
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright