The news is by your side.

Orsara Jazz, la carica di 200 musicisti provenienti da tutto il mondo

9

Presentato il programma della rassegna: spazio anche a musica sacra, seminari internazionali, installazioni video e laboratori di creatività
Continuerà a essere “il luogo dell’agire generativo” l’Orsara Jazz, la rassegna d’autore che quest’anno si svolgerà dal 29 luglio al 3 agosto e toccherà tre città con la musica, seminari e concerti aprendosi anche alla musica sacra e all’utilizzo delle nuove tecnologie per disegnare nuovi spazi di creatività. Il festival jazzistico più longevo della Capitanata è stato presentato ieri sera, a Orsara di Puglia, nel corso di una cena-spettacolo con esibizioni dal vivo. Un piccolo assaggio di quanto aspetta gli amanti del jazz che assisteranno alle serate della kermesse itinerante. La rassegna comincerà martedì 29 luglio al Dizzy di Bovino, con il concerto di Antonio Ciaccia Quartet. Il 30 luglio, invece, Nico Morelli “Pizzica&Jazz Project” sarà di scena al Ristorante in Fiera di Foggia.
Il festival approderà a Orsara di Puglia, in Largo San Michele, il 31 luglio, quando Lousi Slavis Quintet porterà sul palco “L’imparfait des Langues”, uno spettacolo musicale coinvolgente con Lousi Sclavis e Matthieu Metzger ai sassofoni, François Merville alla batteria, Olivier Leté al basso e Maxime Delpierre alla chitarra. Grande serata quella in programma per il 1° agosto, sempre a Orsara di Puglia, con Django Bates. Il Lee Konitz Quintet sarà protagonista il 2 agosto, in Largo San Michele, con Kengo Nakamura al contrabbasso e Ulysses Owens alla batteria. Chiusura in grande stile il 3 agosto, con la formazione a 10 elementi di Enzo Favata. Quest’anno, l’Orsara Jazz offre anche una serie di concerti dedicati alla musica sacra, con spettacoli musicali che si terranno di mattina all’interno della splendida Abbazia dell’Angelo. “Area Dogma 2008, da Lars Von Trier ad Ornette Coleman”, invece, sarà uno spazio creativo che esplora l’interazione fra libertà e vincolo nella musica. La sezione “Perfect Stranger”, in diversi punti del borgo, sarà dedicata all’accostamento tra video e musica jazz, con installazioni e proiezioni. Tra partecipanti ai seminari e musicisti, Orsara di Puglia ospiterà circa 200 persone provenienti da Italia, Francia, Stati Uniti, Inghilterra, Olanda e Portogallo.
Si rinnoverà l’appuntamento con i seminari: saranno 11 i corsi attivi, 110 gli allievi che vi parteciperanno, 6 le associazioni che collaboreranno alla riuscita dell’iniziativa, poiché oltre a “Orsara Musica”, sodalizio che ha ideato e organizzato il Festival dal 1990, ai seminari collaborano il Lagos Festival (Portogallo), il Prince Claus Conservatoire di Groningen (Olanda), l’Associazione C-Jam, il Premio Internazionale Massimo Urbani e l’Associazione Nonsolojazz.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright