The news is by your side.

Comunità Montana: fondi contro gli incendi

21

E’ tor­nato a riunirsi il Consiglio montano convocato dal vicepresidente Gino Vergura (dopo aver saltato la prima convocazione di lunedì 7 luglio alle ore 10, la seduta si è tenuta in seconda convocazione il giorno se­guente martedì 8lugliò sempre alle ore 10). Una seduta proficua che ha con­sentito il licenziamento di tutti e cinque gli accapi presenti all’ordine del giorno: dai verbali delle sedute precedenti al rendiconto consuntivo dell’anno 200? (con un saldo di circa due milioni di euro); dalla prima variazione, rispetto al programma triennale degli interventi immate­riali e materiali, differente dai lavori pubblici, relativi al triennio 2008-2010, approvato con delibera­zione dell’organo rappresentativo n.7 del 5 giugno 2008 alla prima va­riazione, rispetto la bilancio di pre­visione, relativo all’esercizio finan­ziario 2008, al bilancio pluriennale 2008-2010 ed alla relazione previ­sionale e programmatica per il trien­nio 2008-2010 e contestuale appro­vazione del programma triennale dei lavori pubblici inerenti al trien­nio 2008-2010, nonché del relativo elenco annuale 2008 per finire all’ap­provazione del bilancio sociale 2007, un sorta di inventario di tutte le attività svolte dall’ente nel corso dell’anno. Di particolare importanza i fondi stanziati dall’ente montano per la lotta agli incendi boschivi. E’ prevista la somma di 100 mila euro per ogni comune, che mol­tiplicato per gli attuali 13 enti che compongono l’ente montano fa un totale di un milione e 310 mila eu­ro. Tutte somme destinate all’acqui­sto di risorse finalizzate al poten­ziamento del sistema locale di pro­tezione civile, vale a dire di mezzi e strutture per combattere il depre­cabile fenomeno degli incendi bo­schivi, tornato, con le temperature di questi giorni, a minacciare il "verde" del Gargano. Solo due giorni fa, infatti, le fiamme hanno bruciato alcuni ettari di macchia mediter­ranea sulla montagna del sole. Ma le risorse non serviranno solo a questo. L’ente montano ha inoltre desti­nato 135mi1à euro ai Comuni per promuovere gli eventi e le mani­festazioni culturali estive. Sul ver­sante della legge di riordino delle Comunità montane, che sta impe­gnando la Regione Puglia, va reso noto che il termine ultimo per la conclusione dei lavori è slittato dal 30 giugno a130 settembre.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright