The news is by your side.

La sanità del Gargano nord finalmente all’attenzione della commissione regionale

18

La questione sanità del Gargano Nord all’attenzione della missione regionale, questa mattina nella sede dell’Azienda sa­nitaria. Saranno i sindaci del Di­stretto sanitario di Vico del Gar­gano (Cagnano Varano, Carpino. Ischitella, Isole Tremiti, Peschi­ci, Rodi Garganico, Vico del Gar­gano e Vieste) a sottoporre la pro­posta di organizzazione sanitaria da inserire nel Piano regionale della Salute che, a giorni, andrà all’esame del consiglio regionale per l’approvazione. Comitato dei primi cittadini costituitosi da qualche mese allo scopo di dare voce alle Comunità locali alle quali, nonostante pro­messe e atti deliberativi che si sono ripetuti negli ultimi decen­ni, praticamente, ancora oggi, in tema di servizi sul territorio han­no raccolto soltanto un pugno di mosche, briciole di interventi che, altro non sono, che spec­chietti per le classiche allodole. La nascita del Comitato dei sin­daci ha avuto l’effetto di richia­mare l’attenzione della Regione sulle tante, troppe inadempien­ze. Ciò che sta più a cuore è l’or­ganizzazione di servizi sanitari degni di questo nome, anche per la particolarità del territorio, vuoi per la distanza dei Comuni dal più vicino ospedale (anche cento chilometri, un vero e pro­prio record, in negativo, nazio­nale), ma anche per il numero dei turisti durante i mesi estivi. Presidi ospedalieri, e non solo, se guardiamo allo svuotamento di quei pochi servizi istituiti, co­me, per esempio, la specialistica. Il documento elaborato dal Co­mitato dei sindaci e che sarà pre­sentato alla Commissione, parte da un’analisi dell’esistente per poi elencare i bisogni di cui il Gargano Nord non può essere privato. Innanzitutto un ospedale di primo livello con sede a Vico del Gargano, sempre promesso, ma mai realizzato. Il Piano sanitario della salute, che dovrà essere di­scusso in sede di consiglio regio­nale, strano ma vero, non prevede nulla per le popolazioni nord gar­ganiche, nulla per quanto riguar­da una integrazione territo­rio – ospedale per il nostro distret­to, che di fatto penalizza tutto l’ambito e rende non attuabili tut­te le forme di sanità "interme­dia" di cui il Gargano, come da piano, dovrebbe dotarsi. Nel documento viene ricorda­to che l’ospedale di zona del Gar­gano era presente nelle preceden­ti programmazioni regionali ed era già inserito nel Piano di edi­lizia ospedaliera. Non solo, più volte il consiglio regionale all’unanimità, aveva dato priori­tà alla realizzazione e attivazione della struttura ospedaliera, mo­tivandone la necessità con una dettagliata analisi dei dati sui ri­coveri effettuati nel Gargano Nord e sulle prestazioni.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright