The news is by your side.

Vieste, l’ass. Notarangelo: “pronto il nuovo piano di viabilità”

18

L’enorme flusso veicolare di questi giorni di pienone, che tra l’altro ha superato ogni più rosea aspettativa in tema di presenze turistiche, ha dato adito all’assessore ai lavori pubblici, Francesco Notarangelo, di confermare il progetto di riqualificazione della rete viaria interna. <E’ un progetto cui sto lavorando già da alcune settimane e che intendo attuare in autunno, in modo da essere pronti per la prossima estate>, così Notarangelo rivela la sua idea di rivedere, con interventi anche drastici e che potrebbero apparire impopolari, il piano traffico cittadino che, nonostante la buona volontà e la determinazione della polizia municipale (in scartamento ridotto in fatto di personale) mostra lacune e defaillance rilevanti. Il fulcro dei nuovi interventi che l’assessorato intende porre in essere e per i quali è già pronta la mappa progettuale, riguarda l’eliminazione di tutti gli impianti semaforici. Secondo quanto previsto dallo studio che l’ufficio tecnico comunale ha predisposto e che ha già ottenuto il parere favorevole della giunta, spariranno i semafori agli incroci del lungomare Europa con via Santa Maria di Merino, del viale XXIV Maggio con via Dante Alighieri, del lungomare Mattei con la ex statale 89 mare (lido Oasi). Al loro posto saranno realizzate delle rotatorie con penisole a verde, con recupero di spazi e, soprattutto, maggiore fluidità del traffico.
<E’ ormai una concezione consolidata – sostiene l’assessore Notarangelo – quella di eliminare i sistemi semaforici che in molti casi più che regolare costituiscono un intralcio al traffico. Abbiamo preso esempio da altre importanti realtà turistiche italiane dove s’è preferito realizzare questo tipo d’intervento e i risultati sono stati più che soddisfacenti>. In effetti, nel corso degli anni s’è notato che, in particolare ai semafori del lungomare Europa e a quelli del viale XXIV Maggio, si sono creati file e ingorghi  che hanno messo a dura prova automobilisti e pedoni, senza contare il danno dal punto di vista ambientale per lo scarico di fumi. Drammatica, molto spesso, la situazione al lungomare Europa, con file chilometriche e snervanti attese per ospiti e residenti.
Il progetto in fase di realizzazione prevede all’incrocio in questione un rotatoria che consentirà, a chi proviene dalla costa nord, di entrare agevolmente nell’abitato o raggiungere il porto per gli imbarchi alle grotte o alle Tremiti.  Anche quella prevista al viale XXIV Maggio, sarà una rotatoria estremamente importante. Molto più ampia dell’altra, sarà posizionata in un sito nevralgico per il deflusso del traffico poiché fungerà da anello di congiunzione tra la costa nord e quella sud. Questa rotatoria consentirà anche la ristrutturazione del parcheggio Manzoni, attualmente adibito a stazione autobus che, invece, sarà realizzata in via Verdi, nei pressi della centrale telefonica.
Altre due rotatorie saranno realizzate una sul lungomare Mattei, all’altezza del lido Oasi, e l’altra all’incrocio di via Dante con via Verdi, nei pressi della caserma della polizia stradale, anche questa di estrema importanza. Oltre alle rotatorie, il progetto prevede la realizzazione di dossi artificiali con attraversamento pedonale e bande rumorose sui lungomari Mattei, Europa e Vespucci, su via Verdi e via Antico porto. Mentre in piazza Rossini è prevista la creazione di una grande aiuola-isola spartitraffico. Interventi per realizzazione marciapiedi e ripristini stradali sono infine previsti in diverse strade cittadine, con sistemazione, anche, di fossette arboree. Costo previsto per l’operazione, 607 mila euro, parte derivanti da mutuo e parte da fondi comunali.
Gianni Sollitto


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright