The news is by your side.

Reintegro di Gatta: il commento dell’onorevole Antonio Pepe

16

“Il reintegro di Giandiego Gatta nelle sue funzioni di presidente del Parco Nazionale del Gargano è una notizia positiva per l’intera Capitanata. All’amico Giandiego formulo gli auguri di buon lavoro, sicuro che egli potrà adesso proseguire nel lavoro positivo interrotto dalla parentesi del commissariamento”. Così l’onorevole Antonio Pepe, deputato del Popolo della Libertà, commenta la notizia del reintegro di Giandiego Gatta quale presidente del Parco del Gargano, disposto dal ministero dell’Ambiente dopo l’accoglimento del ricorso presentato dallo stesso Gatta da parte del Tar Puglia.  “Già in occasione del provvedimento di commissariamento firmato dall’ex ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraio Scanio – afferma Pepe, che è anche presidente della provincia di Foggia – avemmo modo di stigmatizzare la decisione di sollevare Gatta dal suo incarico. Quella scelta ci sembrò infatti infondata sul piano del merito delle contestazioni che venivano mosse all’indirizzo del presidente; nonché viziata dalla condizione di ministro dimissionario dello stesso Pecoraio Scanio, così come confermato limpidamente dalla sentenza del Tar Puglia. che ha posto rimedio a quella che considerammo una vera e propria ingiustizia”.

“Il commissariamento dell’Ente Parco – prosegue Pepe – è stato uno degli ultimi atti di epurazione ideologica compiuti dal Governo Prodi, che ha privato per mesi una Istituzione importante come il Parco del Gargano del diritto ad avere un presidente in grado di operare nella pienezza delle sue funzioni. Ora – conclude il deputato del PdL – Giandiego Gatta potrà finalmente tornare a lavorare ai tanti progetti messi in cantiere in questi anni, dando il suo importante contributo a quei processi interistituzionali, come la pianificazione strategica di area vasta, che hanno come obiettivo la costruzione di una Capitanata migliore”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright