The news is by your side.

Non solo fannulloni 5 i bravi in Puglia

20

Ci sono cinque casi d’eccellenza pugliesi (Regione, Comune di Bari, Asl Puglia e Asl Lecce, Direzione didattica statale di Massafra, Taranto) tra i primi cento «non fannulloni» della Pubblica Amministrazione indicati dal ministro Renato Brunetta e pubblicati sul sito www.nonsolofannulloni.forumpa.it

 

Ci sono cinque casi d’eccellenza pugliesi tra i primi cento casi di «non fannulloni» della Pubblica Amministrazione indicati dal ministro Renato Brunetta e pubblicati sul sito www.nonsolofannulloni.forumpa.it.
Sono:
– Cittadinanza attiva nella Regione Puglia
Regione Puglia

– Progetto Leonardo per la presa in carico dei malati cronici
Azienda Regionale dei Servizi Sanitari della Puglia e ASL di Lecce.

– Piano metropolitano Bari 2015
Comune di Bari

– Puglia 2.0
Regione Puglia

– Riorganizzazione dei processi e miglioramento dei servizi
Direzione Didattica Statale 3° Circolo «San Giovanni Bosco» – Massafra (Taranto)

IL MINISTRO INUGURA LA «FASE DUE»
«Non solo fannulloni». Con questo slogan il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, inaugura la «fase due» della operazione di ammodernamento della pubblica amministrazione. Una fase in cui «al bastone si aggiunge la carota». Fuor di metafora il ministro punta a valorizzare i lavoratori e le amministrazioni più efficienti attraverso un sistema che premi le eccellenze. «Nel nuovo contratto tutta la contrattazione di secondo livello – spiega Brunetta – andrà ai soggetti più meritevoli».

A tal fine il ministro ha lanciato oggi un concorso, il cui regolamento sarà disponibile la prossima settimana, per chiedere a tutti gli uffici della pubblica amministrazione che hanno messo a punto progetti di miglioramento dei servizi o di diminuzione dei costi, di comunicarli al ministero.

Questi progetti saranno valutati ed eventualmente finanziati e i promotori siano essi individui o interi uffici percepiranno un premio in denaro in busta paga. Oggi è già disponibile sul sito della funzione pubblica un elenco con «i primi cento bravi». A fine anno, annuncia Brunetta, «arriveremo a circa mille progetti, vale a dire mille strutture individuate, verificate e valutate».

Dal primo gennaio del 2009, è l’auspico del ministro, entrerà in vigore il nuovo sistema premiale. «La campagna di moralizzazione della pubblica amministrazione che abbiamo intrapreso – conclude – non è il nostro unico obiettivo: vogliamo ridurre l’assenteismo, certo, ma anche che la gente lavori bene, con coscienza, offrendo servizi migliori ai cittadini».

Le prime 100 storie di «buona Pubblica amministrazione» parlano di «piccoli grandi eroi che nell’indifferenza hanno comunque scelto l’impegno e la qualità», spiega il ministro Brunetta.

Gli ambiti dei progetti sono i più disparati: si va dalla «risocializzazione» per gli utenti del servizio di salute mentale di una Asl di Roma, che ha attivato soggiorni estivi per i disabili completamente autofinanziati e autogestiti, al processo di riorganizzazione messo in atto in una scuola media del vicentino, che ha portato in tre anni ad un aumento del 6% degli ex alunni promossi dopo il primo anno delle superiori.

E ancora, il comune di Parma si è distinto per il progetto «Urba.net», che, grazie alla tecnologia wireless, consente ai cittdani di usufruire gratuitamente della rete wi-fi e accedere ad internet o scaricare la posta elettronica in molte zone della città. Mentre l’Arma dei carabinieri, viene segnalata per l’adozione del sistema E.V.A. (Automazione veicolare avanzata), che permette di velocizzare l’interazione tra gli operatori in servizio di pattuglia e la centrale. 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright