The news is by your side.

Atletico Vieste – Santeramo 5 – 0

18

Alla fine del primo tempo i giudizi sulla prestazione del Vieste non erano affatto positivi, i soliti noti anche questa volta hanno trovato il “pelo” nell’uovo, nemmeno il calcio di rigore trasformato da Maurizio Gentile nel finale di tempo aveva placato gli animi dei ct viestani! Atletico Vieste come una bottiglia di “champagne” agitata a mille ma trattenuto da un tappo, durante la pausa provvidenziale è stato il discorso di mister Mimmo che ha invitato la squadra a giocare con più convinzione, sono bastati i primi minuti ad evidenziare il netto divario tra le due squadre, Santeramo ormai sull’orlo di una crisi di nervi e Vieste finalmente ordinato nel suo gioco e brillante nella sua manovra specie sulle corsie laterali.
I GEMELLI AUGELLI: Paolo e Rocco finalmente di nuovo insieme, come d’incanto si sono distinti per immensa classe e disciplina tattica, tra i due si è inserito l’ariete mai domo, Maurizio Gentile che è diventato lo spauracchio dei difensori baresi.
21’ del st. un pallone vagante veniva controllato da due difensori del Santeramo, si inseriva tra loro Maurizio Gentile che con ostinazione rubava il pallone ai due e da posizione davvero angolata si girava e con un gran colpo di biliardo metteva la palla nel sacco e raddoppiava.
Era l’apoteosi con gli increduli tifosi viestani finalmente in festa, sul “Riccardo Spina” si versava champagne a fiumi, gioco ubriacante del Vieste e nervosismo al limite dell’isterismo da parte dei giocatori del Santeramo, due gli espulsi e schemi saltati per il Santeramo con il Vieste che sfiorava addirittura la goleada.
Bello e di gran classe il terzo gol di Angelo Colella, il fantasista viestano subentrato al bravo Scarano al 33’ del st riusciva da centrocampo a portarsi in avanti e da distanza abbastanza ragguardevole lasciava partire un preciso fendente che uccellava l’esterefatto Ascatigno.
La palese inferiorità prima tecnica e poi numerica del Santeramo non deve illudere questo Vieste che finalmente si è tolto uno sfizio..ha messo a tacere i tanti gufi viestani presenti sugli spalti.
Ora le prossime partite sono da brividi, domenica a Trani contro la Fortis e poi il big-matc di Capitanata col forte Cerignola al “Riccardo Spina”….ora onore e merito a Michele Mimmo che nonostante un ambiente davvero ostile stà lavorando con grande serietà professionale.
Il “barone” Michele Gualano finalmente ha firmato, ora Michele Mimmo avrà nel suo arco qualche freccia in più, forse questo campionato sarà ancora una volta esaltante se si ha un po’ di pazienza.

ATLETICO VIESTE: Bua, Augelli Paolo, Di Iorio, Melchionda, Sollitto, Silvestri, Augelli Rocco, Ducange, Gentile (dal 44’ st Merlicco), Scarano (dal 34’ st Colella), Campaniello (dal 43’ st Laprocina). A disposizione: Padalino, Stellato, Cinque, Masciullo. All. Michele Mimmo
SANTERAMO: Ascatigno, Barberio (dal 34’ st Caponio), Di Girolamo (dal 28’ st Lella), Mancini, Meta, Ferrareis, Stano G., Laforge, Stano A., Di Fonzo, Castellano (dal 17’ pt  Stano V.).Di Mauro
ARBITRO: Davide Dell’Olio di Molfetta
RETI: nel pt al 42’ Gentile (r), nel st al 21’ Gentile, al 40’ Colella, al 42’ Campaniello, al 46’ Rocco Augelli
NOTE: espulsi nel st Ferrareis al 24’ e Di Fonzo al 35’ del Santeramo per doppia ammonizione

                                                       Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright