The news is by your side.

Vico, Bracconaggio un arresto e una denuncia

20

Ottima operazione degli uomini della forestale del comando stazione della Foresta Umbra per arginare il fenomeno del bracconaggio nel Parco Nazionale del Gargano. Arrestato un uomo di Carpino, mentre, un altro di Monte Sant’Angelo è stato denunciato a piede libero. Il primo episodio di bracconaggio in territorio di Vico del Gargano dove una pattuglia della forestale, composta da sette unità, ha sorpreso, in località “Coppa Calvo”, un’area impervia e, per questo, non facilmente accessibile, il 5lenne Rocco Zurlo di Carpino che, con cani e fucile si era introdotto in una zona di particolare pregio, tant’è che è tipizzata come “zona 1”, cioè, dove è vietata ogni attività venatoria, non solo, ma addirittura proibita l’introduzione di qualsiasi arma da fuoco.
Incurante di tutto questo, Rocco Zurlo, non solo era con i suoi cani da caccia e fucile, ma, ancora più grave, privo di porto d’armi.
Per l’uomo sono subito scattate le manette e, immediatamente dopo, è stato associato alla casa circondariale di Lucera, a disposizione del magistrato inquirente che ha emesso il provvedimento restrittivo. Zurlo, evidentemente, la caccia ce l’ha proprio nel sangue e, a quanto pare, anche il vizio di praticarla in zona vietata, ma ancor più senza aver il porto d’armi.
Infatti, non è la prima volta che ad occuparsene siano guardie forestali e magistrato: Zurlo, circa quattro anni fa, venni arrestato e condannato ad una pena detentiva, sempre per gli stessi reati.
L’altro episodio, a diversi chilometri di distanza, in località “Cutino di Scovanoppo”, in territorio di Monte Sant’Angelo, ancora pattuglie del comando forestale della stazione della Foresta Umbra, hanno bloccato il 3lenne B.G, di Monte Sant’Angelo, per il quale è scattata solo la denuncia di bracconaggio. Nessuna misura restrittiva nei suoi confronti da parte del magistrato della Procura della repubblica di Foggia. Il bracconiere era in compagnia di un’altra persona che, però, è riuscita a sfuggire agli uomini della forestale.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright