The news is by your side.

Campionato Promozione/ Match-clou domenica con l’Altamura

17

L’Atletico ci arriva con le giuste credenziali e in salute. Nella partitella infrasettimanale battuto dal Manfredonia 2-0.

 

Nel campionato di Promozione domenica si disputerà l’ottava giornata, secondo le previsioni non ci dovrebbero essere grossi scossoni in classifica, il fattore ambientale che in alcuni campi è ancora molto decisivo potrebbe essere l’unica variabile ai pronostici che vedono le grandi favorite.
Riflettori puntati sul match-clou della giornata: Leonessa Altamura – Atletico Vieste, partita attesa più dagli osservatori esterni che dagli addetti ai lavori, tanta curiosità intorno al fenomeno Vieste capolista dopo solo sette giornate, la squadra garganica ha collezionato ben sette risultati utili consecuti coronato da tre vittorie consecutive, 5 – 0 inflitto al Santeramo e le sontuose vittorie col Fortis Trani in trasferta e domenica scorsa con l’Audace Cerignola.
Vieste che vanta il miglior attacco e la miglior difesa, 11 reti segnate e solo 2 subite nelle ultime 5 gare, squadra quella garganica che nonostante tutto è rimasta ancora lontana dai riflettori, hanno fatto più notizia le vicende interne alla società del Cerignola che le imprese della squadra di Michele Mimmo, scelte a volte incomprensibili dettate da esigenze di redazioni e di piazze!
Spendere in questo momento qualche aggettivo sul Vieste significa riconoscere ai ragazzi il giusto merito del lavoro sin qui svolto, senza naturalmente enfatizzare l’evento..perchè di evento si tratta..il Vieste in testa alla classifica dopo poche giornate non l’aveva previsto proprio nessuno.
Vanno comunque fatte le giuste considerazioni su una Società che in soli tre anni ha saputo centrare tutti gli obiettivi grazie a scelte oculate, i gemelli Rocco e Paolo Augelli, Maurizio Gentile, Michele Melchionda, Nicola Ducange, Antonio Scarano, Michele Gualano hanno saputo adattarsi in fretta alla filosofia del tecnico Michele Mimmo che ha costruito con grande competenza una squadra che del collettivo ha fatto la sua forza.
Tra i tanti fattori positivi che hanno contribuito a fare del Vieste la squadra del momento, il ruolo strategico di Franco Cinque, inossidabile capitano e preparatore atletico della squadra, un doppio ruolo molto impegnativo che spesso è stato mal interpretato e non apprezzato abbastanza, su Franco Cinque qualcuno ancora oggi vuol far passare un messaggio sbagliato.
Il calcio poi ripaga sempre chi lavora seriamente, in questo Vieste grandioso c’è tutta la competenza e la serietà di quest’uomo, la stessa squadra si è identificata nel suo preparatore atletico sia nella serietà del lavoro sia nel rigore della disciplina, ora sembra che anche i tifosi hanno capito.
A Vieste un entusiasmo moderato e la consapevolezza che bisogna continuare a lavorare sodo ed essere umili sempre, Matteo Silvestri giovane viestano è l’emblema del Vieste umile e generoso, giocatore estraneo ad ogni forma di pubblicità ma immenso e generoso nel campo.
In settimana buon test di allenamento col Manfredonia calcio al “miramare”, Atletico Vieste è stato battuto per 2 – 0 ma non ha sfigurato affatto con i più titolati avversri, l’undici garganico ha confermato un ottimo stato di forma sia fisico che mentale.
Domenica contro l’Altamura sarà per Michele Melchionda un nostalgico ritorno da ex, l’eclettico giocatore garganico ritorna dopo 10 anni, giocò nell’Altamura quando aveva solo 17 anni e per lui sarà una giornata importante, ritroverà vecchi amici e tifosi che avevano apprezzato le sue doti.
Michele Mimmo ha le idee chiare, potrà contare anche di Paolo Augelli ed Alessio Campanello che hanno scontato il turno di squalifica e quindi schiererà la migliore formazione.
Ancora assenti Michele Gualano e Nicola Cariglia, due giocatori importanti del centrocampo il cui rientro è quasi imminente, con loro il Vieste sarà ancora più competitivo.
                                                     Michele Mascia
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright