The news is by your side.

Atletico Vieste – Polignano 4 – 2

18
Per entrambe le squadre era importante vincere questa partita per non essere tagliate fuori dai giochi, gara giocata a viso aperto e ricca..ricchissima di emozioni, da considerare che ci sono stati ben 13’ di recupero e quindi tutto a vantaggio del pubblico che ha applaudito entrambe le squadre per non essersi risparmiate

ATLETICO VIESTE: Bua, Augelli Paolo, Di Iorio, Melchionda, Sollitto (dal 22’ st Scarano), Silvestri, Augelli Rocco, Ducange (dal 16’ del st Gualano) , Gentile, Colella (dal 36’ st Cariglia), Campaniello. A disposizione: Padalino, Cinque, Stellato, Masciullo. All: Michele Mimmo

POLIGNANO: Frappampina, Desimini, Carrieri, Loconsole, Comes, Mezzapesa, Bruni, Barbati, Patti, Di Bello (dal 26’ st Milella), Frappampina G (dal 6’ st Lavermicocca). All: Mirko Muserra

ARBITRO: Di Bello di Barletta

RETI: nel pt al 6’ Di Bello, al 23’ Gentile, al 30’ Di Bello. Nel st al 30’ Gentile(rigore), al 51’ Cariglia, al 55’ Rocco Augelli

NOTE: espulso per doppia ammonizione al 6’ del st Comes

Polignano che non t’aspetti entra di scena già nei primi minuti, al 6’ Di Bello è bravo a controllare il pallone in area e poi lasciar partire un gran tiro che si insacca sotto l’incrocio dei pali con Bua letteralmente fulminato.

Il Vieste accenna ad una reazione ed al 22’ Melchionda mette in condizione Rocco Augelli di segnare di testa ma l’intervento dell’attaccante viestano non è perfetto ed il pallone vola alto.

Al 23’ il giovane Di Iorio riesce a scendere e crossare meravigliosamente in area, Maurizio Gentile di mestiere si tuffa radente ed incorna di testa quasi da terra segnando un gol di rara bellezza.

Il Polignano c’è e sale in cattedra, il Vieste soffre e subisce la pressione dei baresi, al 30’ ancora Di Bello in azione, prima addomestica il pallone poi lo scaglia radente il palo di Bua che non tenta nemmeno l’intervento.

Momenti davvero difficili per i viestani che non riescono a reagire, al 35’ il solito Maurizio Gentile riesce a dare a Rocco Augelli un invitante pallone, deviazione sbilenca ed occasione mancata.

La ripresa inizia con il Vieste deciso a riequilibrare la gara, il Polignano sembra diverso ed al 6’ Comes subisce la seconda ammonizione e viene espulso, l’inferiorità numerica inizialmente non penalizza il Polignano che continua a controllare bene le sfuriate del Vieste.

Al 8’ Gentile davvero incontenibile tira a colpo sicuro ma gli viene deviata la conclusione in angolo, al 11’ azione fotocopia e di nuovo deviazione in angolo, Vieste che pressa un po’ di più con Gualano da poco entrato in cabina di regia, entra anche Scarano ed il Vieste è già diverso, più geometrico, più tecnico e soprattutto più insistente nella manovra offensiva.

Al 28’ Rocco Augelli riceve il pallone in area, il suo avversario lo scalcia e l’arbitro molto vicino decreta la massima punizione, vibranti le proteste del Polignano, poi dopo 2’ Maurizio Gentile tira dal dischetto e gonfia la rete, pareggio sicuramente meritato e pubblico in “esagerata” esaltazione sulle tribune.

Il nervosismo ormai dilagante nelle fila del Polignano imbruttisce una gara sino a quel momento davvero spettacolare, l’arbitro è costretto ad interrompere per diverse volte la gara, alla fine per queste perdite continue di tempo saranno ben 13’ da recuperare.

Michele Mimmo fiuta il momento e manda in campo al 35’ il giovane Nicola Cariglia che fa così il  suo esordio, si giocano già i minuti di recupero, Scarano al 51’ si invola sulla fascia laterale sinistra, arriva sino in fondo e poi mette al centro un pallone su cui si avventa il corsa Nicola Cariglia che alla “Rivera” di piatto destro mette nell’angolo opposto di Frappampina che non crede ai propri occhi..Vieste in vantaggio e tifosi scatenati.

Il “Riccardo Spina” è una bolgia…il Polignano è una torcia..ed il Vieste lo spegne definitivamente con il più classico dei contropiedi..a realizzarlo è Rocco Augelli che in velocità semina tutti e superato il centrocampo dribbla pure il portiere per avviarsi nella porta incustodita e depositare il 4 – 2 grande come una casa.

Per Rocco Augelli il giusto premio di una gara giocata con grande sacrificio e non accompagnata dalla fortuna sulle conclusioni, peccato sentire qualche tifoso ingrato che lo ha beccato..in questa partita nessun giocatore del Vieste poteva meritare un rimprovero..troppo quello che hanno fatto per vincere la gara più difficile.

Atletico Vieste rinato ed osannato dalla platea, sesta vittoria di fila in casa, gol a raffica e tanta rabbia in corpo, ma se la squadra và elogiata in blocco per quello che ha fatto in 103’..Michele Mimmo merita davvero la copertina per aver cambiato lo scacchiere in un momento difficile della gara con tre sostituzione decisive.

Ora bisogna comportarsi così anche in trasferta dove questa squadra si smarrisce e si regala agli avversari.

Michele Mascia

 


Gli approfondimenti sulla giornata calcistica nel corso di "Lunedì Sport" su Ondaradio ogni lunedì sera dalle 19:15

 


 
{mp3}sport/20081116_allenatore_mirko_muserra{/mp3}
Mirko Muserra – Allenatore Polimnia Calcio
 
{mp3}sport/20081116_michele_mimmo{/mp3}
Michele Mimmo – Allenatore Atletico Vieste
 
{mp3}sport/20081116_maurizio_gentile{/mp3}
Maurizio Gentile – Attaccante Atletico Vieste
 
{mp3}sport/20081116_nicola_cariglia{/mp3}
Nicola Cariglia – Centrocampista Atletico Vieste
 

Interviste di Sandro Siena


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright