The news is by your side.

Campionato di Promozione/ Europa Grumese – Atletico Vieste 2 – 0

26

Agli avversari vanno i punti, all’Atletico Vieste invece gli elogi, un copione ormai monotono che stà accompagnando in maniera sempre più irritante la squadra di Michele Mimmo in questo triste fine anno, un solo punto in 5 partite, nessun gol segnato, 6 subiti, Vieste naturalmente iellato ad oltranza ed in piena crisi di risultati. Mai negli ultimi tempi si era vista una squadra in salute così, mai negli ultimi tempi si era vista una squadra temuta da tutti e che ha costretto qualsiasi avversario a giocare di rimessa.

Nel calcio questo conta poco, anzi pochissimo se poi non c’è il riscontro oggettivo nel risultato finale, se poi non si conquistano i punti e se non si stà li davanti in classifica, chi non vive la trasferta questo continuar ad elogiare l’Atletico Vieste non lo capisce e lo può scambiare per gratuita faziosità verso la propria squadra e non in una cronaca obiettiva.
Contro la Grumose l’Atletico Vieste si è presentato determinato ed ha affrontato l’avversario in maniera decisa sin dai primi minuti, a centrocampo si è messo subito in evidenza Fausto Crisantino, grande gladiatore che ha giocato una quantità industriale di palloni ed ha bloccato sul nascere insieme a Matteo Silvestri l’iniziativa dell’avversario.
Nicola Ducange in cabina di regia non ha sbagliato un pallone mettendo in condizione gli attaccanti viestani di rendersi pericolosi sempre, in attacco Rocco Augelli con la sua imprevedibile velocità ha dato profondità alla squadra e costretto la difesa barese ad affannosi recuperi.
Elia Gravinese, attaccante vero ha tenuto testa alle marcature asfissianti dei baresi e quando ha potuto si è reso percicoloso costringendo il portiere Campanelli ad autentici prodigi.
Maurizio Gentile, il grande condottiero azzurro si è spremuto sinora da agosto scorso come un limone, ora ha bisogno di un giusto riposo e quindi se non riesce a segnare non è colpa sua ma di chi da lui vuole ancora di più!
Resta la Grumese….ma dov’era la squadra barese che occupa la seconda posizione in classifica?..Nessuno l’ha vista..surclassata sul piano tattico, tecnico e fisico nel primo tempo..ha saputo affidarsi alla buona sorte nel secondo tempo, sapendo che toccava pure a lei battere il Vieste con episodi di circostanza che stanno sempre dietro l’angolo.
Prima che si concludesse il primo tempo si faceva male in una uscita il portiere Francesco Soccio che era costretto ad uscire, al suo posto entrava Antonio Lomuscio preparatore dei portieri improvvisatosi nel frattempo portiere di riserva per la concomitante squalifica di Bua.
Appena iniziato il secondo tempo Fausto Crisantino chiedeva di essere sostituito perché dolorante al piede ed impossibilitato a continuare la gara, poi Nicola Ducange già ammonito incappava in una banale e severa ammonizione decretato da Comes di Lecce che gli mostrava poi il rosso visto che la seconda volta che veniva ammonito, bastava questo per cambiare di netto le sorti della gara con la Grumose che veniva premiata con una vittoria impensabile nel primo tempo.
Michele Mimmo che si sappia non ha nulla da rimproverarsi ha una squadra in salute che gioca bene, forse sono molto discutibili le sue scelte, in questo momento c’è qualche giocatore che ha bisogno di riposare, qualche altro che rende poco, di alternative c’è ne sono e tutte valide, Luca Magaldi un asso nella manica di mister Mimmo, uno scalpitante Francesco Sollitto, e poi il dilemma di sempre, Angelo Colella, perché aspettare ancora?
Sono queste cose che poi vanno a generare dubbi e sospetti legittimi, sono queste cose che ti fanno capire che forse le vacanze natalizie per l’Atletico Vieste sono davvero provvidenziali e che anche Michele Mimmo ha bisogno di riflettere meglio sulle sue scelte.

EUROPA GRUMESE: Campanelli, Cagnetta, Favia, Belviso, Sibillano, Tasselli, Barione, Di Giorgio (dal 23’ st Lamberti), Quercia (dal 40’ st Cimarrusti), Savoia (dal 45’ st Cena), Ferrulli. All: Doenico Abrescia
ATLETICO VIESTE: Soccio (dal 42’ pt  Lomuscio), Augelli Paolo, Di Iorio, Cinque, Stellato, Crisantino (dal 1’ st Melchionda), Augelli Rocco, Ducange, Gentile, Gravinese (dal 27’ st Scarano), Silvestri. A disposizione: Colella, Pellegrino, Sollitto, Magaldi. All: Michele Mimmo
ARBITRO: Alessandro Comes di Lecce
RETI: nel st al 28’ Quercia, al 42’ Savoia
NOTE: espulso Ducange per doppia ammonizione                                                                       

Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright