The news is by your side.

Un nuovo Santo per il Gargano

20

Un pensiero del preside Giorgio Vaira su don Antonio Spalatro, a poco meno di quattro anni dall’inizio del processo di Beatificazione

don_antonio_spalatro.jpgIl 19 maggio del 2005, iniziava la causa di Beatificazione e Canonizzazione del Servo di Dio Antonio Spalatro, che giovanissimo aveva concluso la sua giornata terrena il 27 agosto 1954 a Vieste.

Sacerdote esemplare, cristiano modello, aveva una parola per tutti. Profondamente buono, solidale, attento ai più bisognosi, era amato e seguito.
L’intera comunità viestana, alla sua morte, si strinse attorno alla sua bara. Come mai era accaduto. Il popolo lo proclamò subito santo, la sua immagine apparve presto nelle case assieme alle altre immaginette di santi.

Scrisse nel suo Diario spirituale: “Oggi il popolo vuole che il prete sia difatti “Alter Cristus”. Vuole il prete santo e niente più. E lo segue quando veramente è santo. Ma l’essenziale è questo oggi per il prete: rassomigliare in tutto a Cristo”.
Quando la nuova scuola media di Vieste prese il suo nome, la famiglia offrì il diario al Preside.

Oggi, il Dirigente Scolastico della Scuola Media unica “Alighieri-Spalatro”, custode pro-tempore del diario, nell’ambito delle notizie raccolte dal Tribunale incaricato dell’inchiesta canonica, presso la Curia diocesana di Manfredonia, rende la testimonianza diretta che segue.

RICORDI DEL PRESIDE GIORGIO VARIO SUL SACERDOTE DON ANTONIO SPALATRO

È sempre un’ emozione parlare di don Antonio Spalatro, al quale sono particolarmente legato per varie circostanze che si sono verificate durante tutto il percorso della mia vita. Non solo ho contribuito all’ intitolazione della Scuola Media “SPALATRO”, ma in occasione dell’ accorpamento delle due Scuole Medie di Vieste, in qualità di Preside, mi sono adoperato, affinché l’unica Scuola Media si chiamasse “ALIGHIERI-SPALATRO”, i due nomi originari delle ex scuole.

don_antonio_spalatro_1.jpgÈ un grande onore – ho pensato – per don Antonio stare accanto al sommo poeta Dante. Egli non ha composto poemi e romanzi, non è stato un filosofo o uno scienziato, eppure viene ancora ricordato a cinquant’ anni dalla sua morte per aver vissuto una vita breve nella semplicità e nell’ amore verso Dio e verso il prossimo. Inoltre – per continuare la cronaca – ho recuperato il suo “quaderno-diario” che altrimenti sarebbe andato perduto. Il Diario, ora in mia custodia come Preside pro tempore della Scuola Media Unica, rappresenta il cammino spirituale che don Antonio ha percorso quando frequentava gli studi teologici nel Seminario Regionale di Benevento.

Certo – si legge – che non si risparmiava a mortificarsi quando si lamentava dei suoi difetti, proprio come faceva da sacerdote a contatto con i fedeli. Io non capivo! Una persona così buona, diceva di essere cattiva! Evidentemente desiderava raggiungere l’ elevata vetta della santità.

Dicevo che varie circostanze mi legano a don Antonio fin dall’ anno scolastico 1953-’54. Allora avevo tredici anni, avevo frequentato nell’ anno scolastico precedente la quinta elementare per intraprendere un mestiere. Invece le cose sono andate diversamente, senza dubbio con il contributo di don Antonio. Facevo parte della parrocchia della “S. Croce”, ma il caso ha voluto che mi trovassi in quella del “Convento”. Volevo ad ogni costo continuare a studiare, quindi prepararmi all’ esame di ammissione per poi frequentare la Scuola Media. Le possibilità economiche della famiglia non mi permettevano di studiare. Però mamma, che desiderava quanto me che studiassi, un giorno mi ha detto che alla chiesa del “Convento” stava un prete “BUONO” che faceva molto bene ai poveri. Siamo andati a parlare con don Antonio, il quale senza alcun ostacolo si dichiarò disponibile a prepararmi per l’ esame di ammissione. Mamma gli ha chiesto di farmi pagare poco, ma egli di rimando:”Cummà statt bon”. Ciò significava che non dovevo pagare niente. Che grande gioia abbiamo provato, si realizzavano i sogni di un adolescente e di una madre che voleva il meglio per suo figlio. Grazie don Antonio per aver fatto felice mia madre! Mi sentivo al settimo cielo e così ho iniziato la preparazione. Passavo delle ore in sacrestia nella penombra delle giornate autunnali in compagnia di don Antonio, il quale- direi oggi- mi voleva bene. Spesso veniva chiamato dai fedeli e dopo un po’ si ripresentava per correggermi gli esercizi di matematica, di grammatica ed assegnarmene altri.

Lo vedevo infaticabile e invece il male incurabile lo stava distruggendo. Ma don Antonio continuava a far del bene. Non aveva molto tempo, andava sempre di fretta, eppure se da una parte lo ricordo così attivo, dall’ altra lo vedo ancora oggi immobile ed in ginocchio a pregare davanti al S.S. Sacramento. Negli ultimi momenti della vita terrena, quando recitava il Rosario, diceva nell’ Ave Maria:”Prega per me peccatore, adesso nell’ ora e della mia morte” ed io gli stavo vicino impotente e non capivo che un don Antonio potesse morire. A distanza di tempo, mi scopro in una fotografia nella casa di don Antonio nel giorno del funerale. Il gracile prete era immobile nella bara! Stavo con le mani giunte, pregavo, non ricordo cosa dicevo, ma forse intuitivamente chiedevo al Signore delle grazie per intercessione del “buono e santo” don Antonio.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright