The news is by your side.

V I S T: “V’SCINZ U CAMBION”

18

   Da u scël Castidd a Sand Laurinz
zumbann p’ la pall scëv V’scinz!
   Da quann sciuchëv pu parapall,
t’nëv semb nu tarl: fà u raccattapall!
   Sciuchëv p’ passion e passatimb,
er’n proprj al’t- timb!!! D’cëv:”P’ t’nè fresc’ch la mend,
ëja fa semb all’namend!”
   Zumbëv accom a nu cardill,
ma quann scartëv ër ‘n’ anguill!
   Currëv semb pu sangh all’ ucchj,
nu corn purtëv condr i malucchj!
   Ër “amand” d p’ddastr e lucc’,
d ruspand e d gadducc’.
   Dop nu brod d gaddìn,
tnëv la forz d nu tal’fìn!
   Quann s’gnëv ër accom nu ciav’l,
quann p’rdëv ër… “op’r du diav’l”!
   S’ v’ncëv u cambiunët,
c’ s’ndëv nu cambion nët!
   Arr’vatt u VIST alla promozion,
p’ V’scinz ër ‘na laurij da cambion!
   Vulëv less semb uagnon:
u munn suv ër u pallon.
   Com p’ tutt pass’n l’ ann,
pur V’scinz d’vend grann.
   Semb p’ tand-ardìr e passion,
a chi l’ vulëv dëv l’zion.
   Chi no u r’cord, quann pu cors Fazzìn,
p’ la kapèzz purtëv la crapett-a “Bianchin”,
   p’ la radij jind-u turband e l’ andenn-a for,
pi cal’z cort, tuagghj e chjanidd, a tutt l’ or.
   Arr’vatt a uttand’ ann,
senz-avè nisciun malann.
   No n-ër ‘nu sciucator accattёt,
ër…’na “carna fuchijёt”!
   Quiss er’n i cambiun d’ na vol’t,
quann c’ sciuchëv senza sol’t.
   Cuss ër V’scinz, om d’ onor,
…ër nu “ vër sciucator “!!!

Michele Delli Santi ’49
Vieste, 15-01-2009

             Il personaggio

   Vincenzo Protano, per tutti “V’scinz”, era nato a Vieste il 9-1-1914 e deceduto a Vieste il 15-1-1995, a 81 anni. Di buona famiglia, è sempre vissuto in modo autonomo, anticonfor-
mista in tutto, gli piaceva vivere senza obblighi, né costrizioni, né regole prestabilite. Il suo
mondo era all’ aperto, il suo interesse era il calcio, quello vero, giocato con passione, senza il minimo lucro, viveva alla giornata, o come suol dirsi, di piccoli espedienti, che gli anda- vano sempre a buon fine.
   Era amico di tutti. Fino all’ età avanzata, era quasi invidiato per il suo fisico che riusciva a sopportare ogni contrarietà, considerando il suo modo di vivere.
   Vestiva in modo eccentrico, ma non per esibirsi, era il suo anticonformismo. Ecco la sua estrosità nel vestire e nell’apparire in mezzo alla gente: un copricapo all’ uso musulmano (turbante), con dentro una radiolina a transistor che suonava e l’ antenna che fuorusciva
sopra il turbante (quindi sulla testa). Non finiva qui. Per tutto il periodo estivo,vestiva con
maglietta a maniche corte, asciugamano a tracolla, pantaloncini corti e sandali, oltre al turbante con radio a viva voce. Ed ancora, per completare, con la mano stringeva una ca-
vézza (Kapèzz) a cui era legata una capretta, di nome “Bianchina”, che V’scinz portava
tranquillamente a passeggio per il corso Fazzini, noncurante degli sguardi della gente e
della curiosità dei bambini che si avvicinavano per accarezzarla.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright