The news is by your side.

La Perla del Gargano nell’era globale…

22

"ma c’è un viestano che può apparire in pubblico senza vergogna?"

 

[…]“Oggi più di allora, l’aereo è il mezzo più utilizzato per gli spostamenti e non solo per quella categoria definita business community, fatta di uomini d’affari e manager in genere che devono recarsi velocemente da un luogo all’altro in poco tempo, ma anche e soprattutto di vacanzieri di tutto il mondo che desiderano raggiungere i luoghi più belli e remoti della terra senza porsi limiti ed in tempi compatibili con i giorni di vacanza a disposizione. Con la globalizzazione e tutto ciò che siamo abituati ad assorbire dai media, oggi sentiamo di vivere in un unico grande luogo che è la Terra.”[…]
E’ uno stralcio della relazione fatta dall’Assessore al Turismo del Comune di Vieste, Dott. Nicola Rosiello, in seno al Consiglio Comunale il 5 maggio 2008, contenuta nel verbale di deliberazione n. 28 che ha ad oggetto la variante al PRG per la realizzazione di infrastrutture aeroportuali in località Piano Grande.
Leggendo queste righe ho pensato alla City di Londra, da dove manager e vacanzieri, di tutte le nazionalità, nei brevi weekend imposti dalla frenesia globale, decidono di imbarcarsi a Heathrow per trascorrere giornate di relax sulle spiagge di Miami.
Voi vi sentite di vivere in un unico grande luogo che è la Terra?
Benvenuti nell’era della globalizzazione in salsa viestana.
Come tutte le globalizzazioni che si rispettano, anche la nostra è iniziata con un linguaggio globale.
Lo scrittore e giornalista Marco Brando, del Corriere della Sera, abile risolutore di grandi dilemmi, in un giorno d’agosto del 2004 ha scritto un articolo dal titolo: “Ecco Vieste, la vera capitale del turismo pugliese”.
Per il Sig. Marco Brando, Vieste “dalle spiagge curate e pulite come Dio comanda”, “affollata da molti russi”, è la “capitale sul fronte della qualità e della quantità”, la vera capitale, del turismo pugliese.
Il professore Giuseppe D’Avolio, in un’intervista rilasciata a OndaRadio nel dicembre del 2007, ha affermato raggiante che “Vieste è una capitale europea”.
Addirittura!
L’Assessore al Turismo del Comune di Vieste, Dott. Nicola Rosiello, durante la conferenza stampa di pre­sentazione della Fiera del Gu­sto e del Turismo Enogastrono­mico, svoltasi nel giugno del 2008 presso il Ristorante in Fiera a Foggia, ha sottolineato che Vieste “può così fre­giarsi di essere la capitale del turismo regio­nale”.
Per il Dott. Nicola Rosiello non siamo più la vera capitale, siamo semplicemente capitale, regionale e non più europea.
L’ottimismo si sa è di casa a Milano e così, il 24 settembre dell’anno scorso, il Dott. Giuseppe Angelo Gianmario, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, in un’intervista rilasciata a Gianni Sollitto, ha detto: “Vieste rappresenta la punta di diamante del turismo pugliese”.
La punta di diamante!
L’aristocratico Spina Diana, ex sindaco del Comune di Vieste, amante della musica di Fabrizio De André, è stato più cauto, si capisce perché, e in un’intervista rilasciata a l’Attacco nel dicembre 2008, ha affermato: “ Vieste è la capitale del Gargano”.
No!
Spina Diana ha ridimensionato l’importanza turistica di Vieste.
Ma rimaniamo sempre una capitale. E non è poco.
Ci ha pensato Gianni Sollitto a tirarci su e a ricordarci che Vieste è meta turistica mondiale!
Dalle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno, in un articolo del 21 gennaio 2009, intitolato “Nel Gargano il turismo è ko”, ha scritto: “Per la prima volta Vieste può vantare un grande successo, confermato dall’Osservatorio “Buon viaggio sul turismo”, che controlla l’attività di 250 agenzie di viaggio, che ha classificato la cittadina garganica, per il mese di settembre, all’ottavo posto tra le mete turistiche mondiali.”
Stupefacente, sia lui che l’autorevolissimo Osservatorio.
Ma il sindaco del Comune di Vieste, Dott. Ersilia Nobile, ha battuto tutti e dalle pagine del sito del Comune di Vieste ci fa sapere che: “ Vieste occupa nell’ambito del turismo internazionale una posizione di prestigio”.
Prestigio!
Lontani i tempi in cui Riccardo Bacchelli definiva Vieste: ” adagiata sopra il declino di uno scoglio nel mare, bianca, moresca e marina, simile a una bella creatura spossata voluttuosamente dal bagno, che si sia sdraiata sul letto dello scoglio per prendere il sole facendosi baciare i piedi dal mare”.
I tempi e gli uomini sono cambiati.
Come tutte le globalizzazioni che si rispettano anche la nostra è iniziata con i numeri.
Nella globalizzazione in salsa viestana, i numeri menzionati sono quelli relativi alle presenze turistiche.
I dati ufficiali dell’Istat parlano di 1900000 presenze per la stagione scorsa, ma i socialisti europei della sezione di Vieste non ci stanno e hanno affermano dal loro blog che in realtà le presenze turistiche a Vieste per la stagione scorsa sono state 5000000.
Antonio Giuffreda, del coordinamento PD di Vieste, si è limitato, saggiamente, a registrare la guerra dei numeri.
Quella dei numeri è un’ossessione per i viestani.
A Vieste, se incontri un amico ristoratore, la prima cosa che gli chiedi è: ” Quanti coperti hai fatto ieri sera?”.
Se, invece, l’amico è titolare di una struttura ricettiva, il copione prevede la seguente domanda: ”Sei pieno (di turisti) ?”
I viestani hanno piena fiducia nella salute degli imprenditori compaesani. Mai nessuno gli chiede semplicemente: ” Come stai?”
Gli imprenditori a Vieste sono considerati immortali.
Nella globalizzata Vieste, i vincenti non si nascondono dietro multinazionali con nomi esotici e con sede fiscale nel Liechtenstein. I protagonisti sono gli imprenditori viestani attivi nel settore edile e turistico.
Quella del cemento è un’altra ossessione per i viestani.
Gli edili sono molto impegnati nel costruire quartieri esclusivi per turisti e residenti e hanno inventato un modello di costruzione denominato I.T.P. ”Integra Ted Plan”. Il modello, redatto da ingegneri e architetti di fama mondiale in collaborazione con l’Università di Amsterdam, ha previsto, sul modello delle “new towns” londinesi: quartieri giardino, asilo, scuola, palestra e piscina.
Anche al Riccardo Spina c’è un bellissimo giardino che circonda il nuovo manto erboso. Il Riccardo Spina non è una lottizzazione, è il campo sportivo di Vieste. 
Grande è l’attesa per l’applicazione del nuovo modello denominato “S.C.E’.L”, che prevede l’ampliamento delle zone verdi.
I turistici hanno speso le loro ultime energie fisiche e mentali con la riqualificazione, avvenuta con il cemento armato, delle strutture ricettive, una volta abusive e poi condonate, collocate lungo la spiaggia.
Creativi talenti dell’ingegneria e dell’architettura hanno creato modelli di costruzione di villaggi turistici innovati, imitati da San Diego alla Nuova Zelanda.
I modelli sperimentati nella riqualificazione dei villaggi turistici a Vieste sono stati diversi in base alle esigenze degli imprenditori.
Per risolvere problemi di spazio, sappiate che a Vieste è stato sperimentato il modello “St Lorenz’s Beach”, che qualcuno, amante degli animali nostrani, in un’epoca in cui la globalizzazione fa ancora paura, erroneamente si ostina a definirlo modello “Polli in batteria, made in Italy”.
Il modello “St Mary’s Beach”, invece, ha evitato ai coccolati turisti che prediligono Vieste per le loro vacanze, pericolosi e inutili attraversamenti di trafficate arterie stradali.
Il modello “St Crovat’s Beach” ha garantito di evitare il contagio dei turisti con i residenti. Protetti da lunghissime recinzioni, ospitati in lussuosi appartamenti sul mare, coccolati in una meravigliosa piscina, tutelati dalla sbarra all’ingresso, il modello ha garantito notti d’amore ai più. E alti redditi ai proprietari. Tutti godono.
Più innovativo e audace è stato il modello “La Chianca di El Paso di Gori Guerrero”, che ha previsto straordinarie costruzioni in stile “Texas border wall”, con vista sulla meravigliosa isola della Chianca. Per ricordarci che El Paso è città di confine, l’ideatore del modello, reduce da una vacanza sulle belle spiagge del Marocco, ha ritenuto opportuno blindare la spiaggia con una recinzione che in Europa si trova soltanto a Ceuta e Melilla. Lo sceriffo Minervini osserva silenzioso dalla vicina Corpus Christi.
Nella globalizzazione in salsa viestana, c’è spazio per la tutela dell’ambiente.
In località San Felice, il Comune di Vieste, dimostrando un’eccezionale sensibilità verso le tematiche ambientali, in collaborazione con il titolare del villaggio che si affaccia sulla splendida baia, ha creato, esempio unico in Europa, una spettacolare “ Tartanet Turtle Nursery” per proteggere la riproduzione delle Caretta caretta. L’accesso alla spiaggia per residenti e turisti è giustamente off limits, mentre libero accesso godono i villeggianti della struttura ricettiva che si affaccia sul mare antistante.
L’Università di San Diego e la Google stanno seguendo l’esperimento.
Alla notizia dell’arrivo dei californiani, nella vicina baia di Campi, gli attenti titolari dei villaggi costieri hanno, in via precauzionale, recintato l’area per impedire la violazione della privacy delle numerose Caretta caretta ospiti sulla bella spiaggia. Purtroppo, si registrano tentativi da parte dei maleducati residenti, incuriositi dallo spettacolo offerto dalla natura, di accedere alla spiaggia tramite un sentiero creato dalla capretta Bianchina di “V’Scinz U cambion”.
Per scongiurare il pericolo, il gruppo Facebook “Ambiente, salute e diritti nel Gargano”, si è mobilitata per contattare lo sceriffo Minervini.
Si racconta che Larry Page, la gatta P’trang, il Guerriero del Municipio, Matteji U Cavadd, dopo aver scaricato dal sito di Ondaradio la suoneria “Kieto scus posso dire una parol”, abbiano visitato la necropoli della Salata.
Testimoni oculari hanno invece visto, nella necropoli di San Nicola, uno spossato Matteo Siena che cercava inutilmente di tradurre a Sergey Brin la poesia “Viest: U paes du purch nardon”.
Pare che il geniale Sergey, nonostante la conoscenza della lingua russa, sia rimasto impantanato sulla mitica frase: ”Qua… chi p’r’m c’àl’z, p’r’m c’ càl’z”!
Sconvolto da tanta ricchezza antropologica, l’ex studente di Stanford ha invitato gli studenti della prestigiosa Università di Palo Alto a trascorrere tre settimane di studio sul Faro di Santa Eufemia, appena trasformato, sul modello di Palau, in un Osservatorio delle Coste e dell’Ambiente Naturale Sottomarino.
Nel pomeriggio, scortati dallo sherpa prof. Galimberti dell’Università di Siena, i tecnologici uomini di Mountain View hanno avuto la possibilità di strisciare per terra e visitare l’importante miniera di selce della Defensola.
Pare che i due, abbagliati da tanto splendore e rapiti dalla lettura della poesia Vist: “La cultur… senza ful’tùr”, abbiano deciso di donare al sindaco del Comune di Vieste, Dott. Ersilia Nobile, un museo archeologico capace di raccogliere tutte le testimonianze storiche e archeologiche del territorio di Vieste sparse per il mondo, un avveniristico centro visita per coloro che vogliono visitare la più antica miniera di selce d’Europa, una biblioteca che dovrebbe sorgere a San Francesco sul modello del San Francisco Public Library, il restauro e recupero delle torri costiere di tutto il Gargano.
Nella serata, gli amici Galimberti, Larry, Sergey, Siena, V’Scinz U cambion, Delli Santi, il Guerriero del Municipio, la gatta P’trang, la capretta Bianchina, Matteji U Cavadd della Scuola Gladiatori Roma, hanno incontrato alla Mancina Giuseppe Ruggieri, ispettore onorario dei beni architettonici e del paesaggio e Nello Biscotti, bravissimo botanico dell’Università delle Marche.
Mentre Delli Santi spiegava a Larry il significato ambivalente del termine “ful’tùr”, il diplomatico Nello, dopo aver tramortito Sergey con argomentazioni circa l’inutilità dei convegni, del rischio di perdere la biodiversità e i prodotti tipici del Gargano e della necessità di dichiarare guerra sfrenata all’olio di semi, lo convinceva a finanziare con un investimento di 10.000.000 € la creazione di una vigna di Macchiatello, nelle campagne di Vico del Gargano. Sulle note dei Rione Junno, accompagnati dall’amico Eddie Vedder, Giuseppe Ruggieri si lanciava in una funambolica danza con la sensuale Mina Scarabino. Galimberti, in religioso silenzio, ammirava rapito il Guerriero del Municipio mentre eseguiva delicati esercizi di allungamento.
In lontanza, dove il mare si confonde con il cielo, un leggiadro e bellissimo Angelo, follemente innamorato del mare e della vita, a ricordarci altri tempi e altri uomini, corteggiava una sensuale sirena di nome Vieste.
In alto, tra le nuvole, il partigiano Enrico, rispettoso delle identità di popoli e terre lontane, a ricordarci altri tempi e altri uomini, salutava gli amici promettendosi un giorno di ritornare a trovarli.
Il generale delle legioni Felix, “Matteji U Cavadd”, continuava a ripetere a voce alta: “Se vi ritroverete soli, a cavalcare su verdi praterie col sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché sarete nei campi Elisi, e sarete già morti”.
“Al mio segnale scatenate l’inferno”, la legione comandata dal generale decideva di buttarsi a mare “all’angiulichji”.
Sul tardi, esausti dalla faticosa e bellissima giornata, il gruppo decideva di passare la notte sul trabucco vicino. Mentre il Guerriero del Municipio non voleva assolutamente sapere di dormire, il furbacchione Sergey, con l’aiuto di Sant’Antonio, San Giorgio e Santa Maria, raggiungeva a nuoto l’isola di Santa Eufemia, dove la bellissima Venere Sosandra l’aspettava da tempo immemore.
La mattina dopo, i due abbronzati californiani, dopo le continue insistenze di Nicola D’altilia preoccupato della salute di un popolo che non si preoccupata della propria salute, di fronte al silenzio del presidente Vendola, alla latitanza delle banche, ai silenti e avidi imprenditori locali, hanno deciso di donare alla comunità viestana due elisoccorso con sede a Vieste e 4 ambulanze.
Il viaggio a Vieste dei fondatori di Google si concludeva con l’offerta di asparagi, capperi e mandorle consegnati loro da Valentino Di Rodi, guru del marketing turistico.Valentino è colui che partecipò alla Primavera di Vieste ( non è un moto rivoluzionario) nel maggio di oltre 20 anni e conquistò la platea turistica nazionale con un mazzo di fiori e un bacio.
Nel pomeriggio, Larry, Sergey, la gatta P’trang, proseguivano il loro viaggio verso Calena, dove, dopo aver incontrato Teresa, salivano in paese per giocare al lotto, presso l’edicola “Mille cose”, i numeri che Mimmo Vecera aveva loro suggerito in una videoconferenza giorni prima: 1,6,7.
Ma adesso la questione si fa seria.
I villaggi turistici sulla spiaggia rappresentano lo spettacolo della Vieste globalizzata. Poche le strutture agrituristiche presenti sul territorio, nessun esempio di Albergo diffuso.  
Il villaggio turistico sulla spiaggia è un “non luogo”.
Marc Augé in “Disneyland e altri non luoghi” definisce “non luogo il contrario del luogo, uno spazio in cui colui che lo attraversa non può leggere nulla né della sua identità (del suo rapporto con se stesso), né dei suoi rapporti con gli altri o, più in generale, dei rapporti tra gli uni e gli altri, né a fortiori, della loro storia comune”.
Luoghi stravolti dalla cementificazione e simili a tanti altri villaggi turistici che si trovano in qualsiasi parte del mondo, con l’immancabile aria condizionata e piscina al posto delle dune, costruiti sull’immaginazione dei turisti in modo da permettere loro di trovare quello che si aspettavano, veri e propri ghetti “accuratamente preservati da ogni prossimità indesiderata”, dove la finzione si confonde con la realtà, quest’ultima spettacolarizzata dove i turisti sono gli attori.
La cancellazione di paesaggi, tradizioni locali, umanità, valori sedimentati nel corso dei secoli, l’immancabile sbarra all’ingresso dei villaggi, vero posto di dogana, frontiera sociale, a ricordarci che i muri, nonostante Berlino, resistono ovunque, l’enogastronomia umiliata a favore di menù identici e globalizzati, le caratteristiche dei villaggi sulla spiaggia.
“Spettacolo di un mondo globalizzato”, i villaggi turistici minano l’identità di una comunità, sono espressione della globalizzazione.
A Vieste la storia, le conoscenze, non specificano la dimensione locale; l’offerta d’accoglienza non è legata al territorio.  La competitività di Vieste non ha radice in una sua connotazione territoriale.
Nella globalizzata Vieste, la deregulation è vista come una meravigliosa opportunità di sviluppo.
La legge regionale 20 gennaio 1998 n. 3 ha rappresentato una deregulation e ha contributo a una speculazione edilizia.
Nella globalizzata Vieste, i vincenti, legittimati dal voto della maggioranza, fanno le regole.
Le delibere comunali n. 42 del 03.04.1998 e n. 46 del 21.04.1998 hanno recepito la legge regionale 20 gennaio 1998 n. 3. Nell’arco di pochi anni dalla delibera n. 42 del 03.04.1998, il Comune ha rilasciato 48 provvedimenti concessori e d’autorizzazione paesaggistica per altrettanti complessi turistici per la costruzione di 1200 unità ricettive.
Con l’eccezione di pochissimi casi, le 48 strutture ricettive costruite con la legge regionale 20 gennaio 1998 n. 3, non distano dal mare più di 300 metri.
Protagonista è stata l’Amministrazione del sindaco Diana Spina.
Nella via locale alla globalizzazione, i benefici sono concentrati mentre i costi sono diffusi. La collettività non è chiamata alla spartizione dei benefici, che rimangono pertanto privati, ma è condannata a subire i costi, collettivi.
Nel territorio del Comune di Vieste, all’interno del Parco Nazionale del Gargano, insiste la discarica comprensoriale Landa della Serpe dell’ATO FG1, che raccoglie i rifiuti indifferenziati di 16 comuni garganici.
Perché e da chi è stata individuata quell’area resta un mistero, ai più.
Da un’intervista rilasciata a Ondaradio il 4 febbraio 2009, si apprende che l’Assessore Comunale all’Ambiente del Comune di Vieste, Dott. Antonio D’Errico, di fronte all’emergenza (l’esaurimento della capacità ricettiva della discarica di Vieste), presenterà alla Provincia la proposta per l’utilizzo delle residue volumetrie della discarica comunale.
E’ la strategia dell’ampliamento o, se volete, dell’emergenza, che è frutto dell’incapacità delle ultime amministrazioni comunali garganiche e di Vieste di gestire in maniera civile un sistema di raccolta differenziata.
Dalla lettura degli atti della “Commissione Parlamentare D’Inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse” del 17 dicembre 1998, dieci anni fa, emerge chiaramente come la situazione presso la discarica controllata di Vieste, dove conferivano i rifiuti non differenziati di 18 comuni garganici, fosse di emergenza sin dal 1998 in quanto la situazione relativa alla capacità di smaltimento era di soltanto 60000 mc. Dopo i continui allargamenti della discarica avvenuti nel 2003 e nel 2006, l’Assessore chiederà alla Provincia un ulteriore ampliamento.
La discarica di Landa della Serpe è “l’Op’ra F’Nut”, l’unica opera completata nel Comune di Vieste.
Il sito dell’Assessorato all’Ecologia della Regione Puglia, ci fornisce i dati dei rifiuti solidi urbani indifferenziati e differenziati per l’anno 2007 e per l’anno 2008 collocati nella discarica di Vieste. Sono dati per difetto in quanto diversi comuni non hanno effettuato tutte le trasmissioni e quindi la situazione era più grave.
Con riferimento alla città di Vieste, anno 2007, su un totale RSU di 14242490 kg raccolti a Vieste, 12960320 kg sono stati conferiti in discarica.
Nel 2007 il 90,9% del totale RSU raccolti nel Comune di Vieste è stata conferita nella discarica Landa della Serpe.
Per la città di Vieste, la produzione pro capite di rifiuti solidi urbani conferiti nell’anno 2007 nella discarica di Vieste è stata di oltre 950 kg. a testa (12960320/popolazione residente).
Qualcuno obbietterà che questo conto non prende in considerazione le presenze turistiche. Giusta obiezione.
Gli analisti in questo caso usano un correttivo; aggiungono alla popolazione residente le presenze turistiche dell’anno /365 (popolazione equivalente). Per cui Vieste nel 2007 ha avuto una popolazione equivalente di 18987 abitanti (13430+1700000/365). A titolo di esempio, dal Rapporto annuo 2006 della Provincia di Rimini, si evince che Rimini nel 2006 aveva una popolazione equivalente di 156213 abitanti, di poche decine di migliaia superiore alla popolazione residente.
Ora, 12960320 (RSU conferito in discarica) /18087 (popolazione equivalente), equivale a 716 kg di rifiuti all’anno pro capite conferiti in discarica.
Per il 2008, data una popolazione equivalente di 13430+1900000/365, sono all’incirca 683 kg i rifiuti pro capite conferiti in discarica.
Sono dati molto alti, tra i più elevati d’Italia.
Qualcuno obbietterà che l’uso di questa metodologia non prende in considerazione il “turismo sommerso”. Giusto, ma gli analisti non prendono in considerazione il “turismo sommerso” e i confronti tra città si fanno sulla base delle presenze turistiche ufficiali.
Nel Comune di Vieste nel 2007 la percentuale di raccolta differenziata sul totale di rifiuti solidi urbani è stata pari al 9,1%.
L’anno scorso la percentuale è salita a 10,8%.
Siamo agli ultimi posti in Italia per raccolta differenziata.
Per capire il peso del turismo della città di Vieste sulla produzione di rifiuti urbani, su 12.560.405 kg di rifiuti indifferenziati raccolti a Vieste e conferiti nel 2008 presso la discarica di Landa della Serpe, ben 9181820 kg sono stati conferiti nei mesi da aprile a settembre. Il 65% della RSU conferita in discarica è prodotta d’estate.
La discarica rimarrà lì per sempre, in uno dei posti più belli d’Europa, di straordinaria valenza paesaggistica.
I costi a Vieste sono per tutti.
Nella globalizzazione made in Vieste, Spina Diana ci pone i rimedi.
In un’intervista rilasciata a Paola Lucino della redazione L’Attacco il 18/12/2008, dal titolo “Il diluvio dopo Mimì Spina”, il Dott. Spina Diana ha affermato: “Il disastro ambientale sotto gli occhi di tutti è stato provocato dalla mancanza di vigilanza. Manca il senso della protezione”
Mimì Spina ha prospettato rimedi e si è fatto paladino dell’ambiente.
Gianni Sollitto, dalle colonne della Gazzetta del Mezzogiorno del 21 gennaio 2009, ci ricorda che: “Forse è giunto il momento di sostituire la politica della crescita, intesa come eccessiva espansione urbana, con il controllo e il sostegno, consolidando le attività produttive esistenti e sostenendo le iniziative imprenditoriali e complementari rispetto all’esistente”.
Adesso!
Dopo la riqualificazione con il cemento armato dei villaggi turistici che insistono sulla spiaggia, minacciati dal vertiginoso aumento dei posti letto, i vincenti, per tutelare la competitività delle proprie strutture ricettive, si fanno paladini dell’ambiente!
Nella Vieste lanciata verso il futuro si valorizza l’ambiente con il cemento e si proteggono le vecchie mura urbiche distruggendo la bellissima costa con giganteschi massi di pietra.
Nella Vieste globale, la politica implode.
In un’intervista rilasciata il mese scorso a Matteo Palumbo de l’Attacco, Michele Mascia, presidente del Consiglio Comunale di Vieste, ha detto: “ Ersilia Nobile e gli assessori sono lì solo per curare i loro interessi personali, anziché quelli dei cittadini”.
Ma che roba è?
Sono questi gli amministratori che governano la capitale del turismo europeo?
Dal sito del Ministero della Salute emergono dati non proprio confortanti sulle acque di balneazione a Vieste.Alla voce “Stagione balneare in corso, monitoraggio in tempo reale, divieti di balneazione”, emergono nel mare di Vieste, 6 tratti di costa non balneabile per inquinamento: canale caruso, canale molinella, canale portonuovo, canale torre del porto, foce canale valesano, scarico rete fognante. Alla voce Rapporto 2008 (situazione al 31.12.2007), è una mappa a indicare 6 tratti inquinati. Anche nel Rapporto 2007 (situazione al 31.12.2006), è una mappa a individuare i tratti che dovrebbero essere interdetti alla balneazione.
La collettività ha subito le esternalità negative.
La salute dei bagnanti non è stata tutelata da chi di dovere.
Nella globale Vieste gli esseri umani sono alienati e trattati senza rispetto.
Il segretario dalla Cgil viestana, in alcune interviste rilasciate alla Voce di Vieste nel 2003, ha tuonato: “ Nel settore del turismo ad esempio, ad eccezione dei due grandi gruppi come Marcegaglia e Ventaglio, non c’è nessuno che paghi lo stipendio per intero, versando contributi regolari all’Inps e all’Inail”
Ma come!
Siamo la capitale dell’illegalità.
I figli degli operai vanno a scuola con i figli dei vincenti, le loro mogli fanno la spesa negli stessi supermarket dove si recano le mogli dei vincenti.
Nella Vieste globale i vincenti hanno ammazzato Adam Smith, che non era un comunista. Nella “Teoria dei sentimenti morali”, Smith sottolineava l’importanza per gli operatori del mercato del “rispetto del senso d’onore” che permetteva di “apparire in pubblico senza vergogna”.
Nella Vieste globale i vincenti non si sono vergognati di trattenere il trattamento di fine rapporto dei propri collaboratori. Si sono arricchiti con il lavoro degli operai.
Nella Vieste globale i mutui bancari sono rimborsati con l’indennità di disoccupazione.
La globalizzazione fa si che bisogna proteggere la privacy dei turisti ospiti nei villaggi turistici che insistono sulla battigia marina.
A nord di Vieste, la lunga spiaggia di Santa Maria di Merino conta soltanto quattro accessi pubblici, le spiagge di Chianca e Crovatico sono inaccessibili, Sfinalicchio ha solo un accesso pubblico.
A sud, è difficilissimo accedere alla spiaggia di San Felice, mentre è praticamente impossibile accedere alla spiaggia di Campi ( a meno che non siate una capra e non mettete in conto di spezzarvi il collo).
Chi avvantaggia questa situazione?
La globalizzazione impone la privatizzazione delle spiagge.
Il Comune di Vieste ha venduto gli accessi comunali alle spiagge ai titolari dei villaggi turistici.
Nella globalizzazione in salsa viestana, gli incendi nell’entroterra sono eventi insignificanti.
Sono 30 anni che i boschi di Vieste vanno in fumo!
Nel momento in cui gli incendi hanno toccano alcuni villaggi turistici sulla costa, nel luglio del 2007, la politica viestana è entrata in soccorso e ha definito gli incendi imprevedibili.
Ma come!
Hanno dimenticato il rogo di Pugnochiuso!
E hanno detto che non sarebbe successo mai più niente di simile. Nel’agosto del 2008, a un mese dal terribile incendio del 2007, dei vigliacchi hanno incendiato la pineta di San Felice.
Se venite in vacanza a Vieste accertatevi che il vostro villaggio sia munito di un valido sistema antincendio. Perché a Vieste è successo, in occasione dello spaventoso incendio del luglio 2007, che importanti strutture ricettive fossero sprovvisti di un sistema antincendio.
Vi rendete conto della gravità?
Non hanno protetto gli ospiti, loro stessi e il patrimonio ambientale!
E’ l’avidità dei più ricchi.
Il denaro a Vieste è un’altra grande passione.
Blindati in mostruosi SUV, come se abitassero nella giungla amazzonica, ghettizzati nei loro villaggi, appaiono in pubblico elegantissimi e tristi e parlano sempre di soldi. E sono immortali. Diversi sono accomunati dalla passione per gli orologi. L’immortalità e il tempo, abbinamento curioso!
Nella globalizzazione dal sapore di mare, l’Onorevole Michele Bordo presenta un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente per “la presenza di elevati profili problematici e di criticità dell’Ente Parco”, e il Presidente del Parco nazionale del Gargano conquista riconoscimenti nella Federparchi.
In data 29 gennaio 2009, l’Onorevole Michele Bordo ha presentato un’interrogazione a risposta in Commissione (5-00917) al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per chiedere, tra l’altro : “Quali iniziative e provvedimenti urgenti il Governo intenda assumere per ripristinare l’immediata funzionalità di indirizzo programmatico e gestionale dell’Ente Parco Nazionale del Gargano”:
Pochi giorni fa, il Presidente del Parco nazionale del Gargano, Dott. Gatta, è stato eletto nel consiglio direttivo della Federparchi, la Federazione italiana dei parchi e delle riserve naturali.
In un’intervista rilasciata a l’Attacco nel mese di dicembre, il Presidente del Parco nazionale del Gargano ha parlato di molti progetti, dal piano antincendi alla mobilità interna, sicuramente importanti, ma non ha fatto nessun riferimento al Piano del Parco, strumento fondamentale di pianificazione territoriale dell’area protetta.
Nei processi di globalizzazione, non mancano mai gli uomini del Nord ricco e civilizzato.
Uno stimato signore del Nord, nel presentare un’idea progettuale che riguarda il nostro territorio, ha detto recentemente che i viestani, di fronte a uno straordinario progetto e di fronte a capitani coraggiosi, dovrebbero togliersi il cappello!
Voi vi immaginate uno che sulla soglia di casa vostra vi chiede di togliervi il cappello?
Non immagino cosa potrebbe chiedervi se voi lo lasciaste entrare.
A toglierci le mutande ci pensarono, negli anni ’80, politici potenti, molto potenti, che stuprarono il territorio con la promessa di un “Progetto di sviluppo integrato del turismo”, ci lasciarono il pacco chiamato “Centro Pilota” e non pagarono il conto con la giustizia.
Nella costruzione del complesso sono state violate più leggi rispetto all’altro mostro di Punta Perotti e nessuna menziona la quantità di esplosivo necessario per abbatterlo.
La società globale viestana è molle.
Giovani con elevate competenze e acute intelligenze si sono nascosti negli uffici pubblici, negli studi professionali, nei villaggi e nei partiti; tutti hanno accettato, per paura di compromettere gli affari, di inimicarsi il politico di turno, o semplicemente per omertà, lo status quo.
Dove stanno i giovani leoni, di qualsiasi formazione politica, di destra, di sinistra, di centro (di Giove, di Saturno, di Mercurio) della politica locale?
Dove stanno i taciturni rampanti rampolli dell’economica globalizzata viestana?
Pensate che questi ragazzi discuteranno sulla stampa, senza nascondersi dietro dei nickname, le tematiche dell’immondizia, dell’inquinamento del mare, degli accessi alle spiagge, del lavoro nero, dell’emigrazione dei giovani viestani?
I leoncini della savana prenderanno posizione pubblicamente con documenti scritti?
E così capita che a spiegare agli elettori cosa succeda a Vieste è uno studente disoccupato, che resterà, disoccupato, ancora a lungo.
Vieste va alla rovescia e vedrete cari lettori che chi diffama l’immagine del paese sono io con questo articolo.
Paola Lucino, de l’Attacco, in un recente articolo dal titolo “Vieste, il diluvio dopo Mimì Spina”, ha affermato:” la potenza economica in un paese marino si misura dalla ricettività”.
Ha ragione. A Vieste è la ricettività che rende ricchi.
Da uno studio dell’Università di Foggia intitolato “Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco Nazionale del Gargano”, emerge che nel 2003 Vieste aveva 3980 posti letto nel settore alberghiero e 41343 nel settore extra alberghiero, quest’ultimo costituito in prevalenza da campeggi e villaggi turistici, essendo pochissime le aziende agrituristiche.
E’ ragionevole supporre che a Vieste 10 famiglie soltanto gestiscono quasi il 50% della ricettività totale, oltre 20.000 posti letto.
Due famiglie controllano il 24% della ricettività totale.
L’eccesso di offerta di posti letto nei villaggi turistici ha comportato l’impossibilità per i possessori di seconde case, svantaggiati rispetto ai villaggi per la posizione non proprio a ridosso del mare e per le oggettive difficoltà di relazionarsi con i clienti nella fase di prenotazione, di affittare i propri immobili ai turisti. Quello che per 30 anni è stato una preziosa fonte d’integrazione del reddito familiare, e che ha permesso a tante famiglie viestane di mandare a studiare i propri figli o di comprarsi una casa, e che costituiva una forma di redistribuzione del reddito, improvvisamente è venuto meno a vantaggio dei titolari dei villaggi.
In questo contesto chi trarrà i maggiori vantaggi dalla costruzione di un aeroporto?
Le 10 famiglie di cui ho parlato e i costruttori di seconde case per turisti.
E chi subirà le esternalità provocate dall’inquinamento acustico e dell’aria?
Tutta la collettività residente. Anche coloro che dal turismo non traggono nessuna forma di beneficio dovranno sostenere dei costi sociali.
Magari, un giorno, la collettività sarà chiamata a sostenere i costi per la costruzione di scogliere artificiali per proteggere i litorali in erosione sui quali insistono i villaggi turistici delle 10 famiglie.
Per 10 famiglie Vieste è indubbiamente un diamante (altri, legati ai valori di una volta, direbbero che Vieste è per loro la “gallina dalla uova d’oro”).
Le strutture ricettive a Vieste sono state riqualificate per far fronte al presunto oceano di pellegrini e turisti attratti da Padre Pio.
Poveri turisti religiosi. Sono stati chiamati in causa per giustificare la necessità di riqualificare i villaggi turistici di Vieste.
Voi avete visto masse oceaniche di turisti religiosi nei villaggi turistici viestani?
Anche il Dott. Giuseppe Angelo Gianmario, uomo politico, presidente di un comitato apolitico, in una video intervista presente sul sito dell’associazione INFRAsudGARGANO, ritiene che il turismo religioso su San Giovanni Rotondo possa spiegare la fattibilità economica della costruzione dell’aeroporto a Vieste.
Le infrastrutture sono molto importanti nei processi di globalizzazione.
I porti turistici sono per l’Italia del XXI secolo quello che le autostrade furono nel secolo scorso.
A Vieste, le menti raffinate del Comune, ubriachi di liberalismo tatcheriano, appreso nelle università di Sua Maestà Elizabeth Alexandra Mary, hanno deciso di privatizzare il porto turistico delle ricche consulenze, costato ai contribuenti un mare di denaro.
Benefici privati nelle mani di pochi e costi collettivi a carico dei contribuenti. Appunto.
Il Comune di Vieste ha da poco redatto un progetto “per la costruzione di nuovi tronchi di fognatura nera e risanamento di alcuni esistenti nella zona nord del centro turistico abitativo interessata da insediamenti turistico-ricettivi” dal costo di € 2.500.000,00 e un progetto di riqualificazione territoriale dal costo di € 7.000.000,00. E a pagare saranno i contribuenti, molto spesso ai margini della crescita economica indotta dal turismo. Misure che diventano necessarie agli occhi dell’opinione pubblica e che favoriscono i proprietari dei villaggi turistici.
La globalizzazione non prevede di implementare a livello di destinazioni turistiche studi sulla capacità di carico.
La capacità di carico indica il numero massimo di visitatori che un’area territoriale può sopportare senza che si creino ripercussioni negative sull’ambiente naturale, sociale e culturale.
In uno studio intitolato “Stima della Capacità di Carico dei flussi turistici nel Parco del Gargano”, Pasquale Pazienza e Vincenzo Vecchione, ricercatori presso il Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche dell’Università degli Studi di Foggia, hanno condotto una ricerca sulla capacità di carico della città di Vieste riferita agli anni 2003 e 2004. Nello studio i vincoli presi in considerazione per individuare la capacità ricettiva ottimale di Vieste, oltre il quale si determinano inefficienze della destinazione turistica e disservizi per gli ospiti, sono: totale dei posti letto nel settore alberghiero ed extra alberghiero, capacità di smaltimento dei RSU (in KG/giorno), capacità di depurazione delle acque reflue (in mc/giorno), totale delle piazzole di parcheggio auto e bus. Dallo studio emerge: l’offerta di posti letto è di 3980 nel settore alberghiero e di 41343 per il settore extra alberghiero, la capacità di contenimento della discarica per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a disposizione delle attività turistico ricettive è pari a 9.717 kg/giorno, la capacità di depurazione delle acque reflue a disposizione dei turisti è di 2.059 mc/giorno, la disponibilità di aree di parcheggio per auto e bus è di 1820 piazzole di sosta. Tramite l’applicazione di un programma di matematica lineare i ricercatori concludono lo studio affermando che il numero massimo di turisti giornalmente ospitabili a Vieste nel 2003 e 2004 era pari a : 3980 per il settore alberghiero e 285 per il settore extra alberghiero!
A distanza di pochi anni dai loro studi, a dimostrazione delle competenze degli studiosi, Vieste, per via del numero elevatissimo degli ospiti presenti d’estate, ha una discarica quasi esaurita e il mare inquinato in alcuni tratti. La difficoltà di trovare parcheggio d’estate è sotto gli occhi di tutti.
Per non parlare degli incredibili disagi che abbiamo registrato anche l’anno scorso quando frequenti sono state le interruzioni della fornitura di acqua potabile per i residenti.
Sono le esternalità negative che la collettività è destinata a subire in silenzio.
Loro, i vincenti, incassano i denari.
Per pochissime famiglie Vieste è un diamante, per altri, la maggioranza, invece, è miseria, frustrazione, emigrazione, inquinamento.
Grazie ai mass media, i vincenti sono capaci di veicolare all’esterno l’immagine di una Vieste paradisiaca. Ma quell’immagine non rappresenta la comunità di Vieste, fotografa soltanto la loro avidità.

Lazzaro Santoro
lazzarosantoro@yahoo.com


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright