The news is by your side.

Campionato Provinciale Allievi/ Apricena – Nuova Gioventù Vieste 3 – 1

15

Un 2009 finora da dimenticare per la Nuova Gioventù, che ieri al Comunale d’Apricena, ha rimediato la seconda sconfitta di fila dell’anno perdendo, la seconda posizione della graduatoria a favore del Vico. Sconfitta immeritata,

purtroppo, quella subita dai ragazzi di Ranuschio. A causa di una ripresa giocata in maniera remissiva in attacco, complice l’aria pesante che si respirava in campo, condita da un paio di disattenzioni difensive in occasione delle reti dei padroni di casa. E’ stata, al contrario, premiata l’abnegazione e la cattiveria con cui i padroni di casa hanno cercato la vittoria,  perdendo la testa dopo  il rigore realizzato da Fezga . Primo tempo intenso e ricco di spunti di cronaca, almeno nella mezz’ora iniziale. Primo sussulto di marca locale al 9’, quando un suggerimento in profondità di Lauriola per l’inserimento di Ferrara è sventato in uscita bassa dal portierone Zillo, costretto poi  ad uscire per infortunio.  Al 12’ su azione d’angolo è  Cavaliere a spizzicare di testa a lato. La Nuova Gioventù insiste e va vicino alla segnatura al 18’, quando un corner a mezz’altezza battuto da Di Mauro vede l’aggancio di collo pieno sottoporta di Cavaliere, respinto con prontezza di riflessi dall’estremo difensore. E’ il preludio alla rete viestana, che arriva al 32’, Un tracciante millimetrico di Vetrano smarca Piccolelli sulla sinistra dell’area dell’Apricena . L’Attaccante inganna il portiere, il quale lo aggancia e lo stende. L’arbitro ravvisa, giustamente, il fallo da rigore tra le vibrate proteste di giocatori, panchina e tifosi locali. Dagli undici metri realizza  Fezga con il classico tiro da fermo “made in Signori”. Il vantaggio consente alla Nuova Gioventù  di abbassare i ritmi della gara e far valere le sue riconosciute doti di palleggio.
L’Apricena, come una belva ferita, si riversa nella meta campo degli ospiti con cattiveria e nei minuti finali del primo tempo realizza due reti, con due tiri da fuori area. La ripresa si apre con una ghiottissima occasione per Piccolelli, che a due passi dalla porta non riesce ha piazzare la palla nell’angolo giusto. La doccia fredda per i viestani è, però, in agguato e arriva al 50’ quando si cala nella parte del giustiziere ancora una volta  Galullo che, come in occasione del primo gol, lascia partire un tiro che il pur bravo Grima non intercetta. La gara finisce qui, perché poi di calcio se ne vede ben poco.
«Bravo  L’Apricena ­spiega  Ranuschio negli spogliatoi a reagire allo svantaggio e a giocare una buona  gara. L’Apricena non ha rubato nulla. Noi, invece, abbiamo messo in campo tanto impegno, disputando un’ottima gara, ma abbiamo pagato a caro prezzo gli errori in occasione delle reti avversarie, causati da scarsa concentrazione. L’unico appunto che si può e si deve fare è il clima minaccioso dei giocatori e della panchina dell’Apricena nei confronti dei nostri, rei del fatto che siamo l’unica squadra ad averli battuti. Questo non li giustifica.  >

Le pagelle

Zillo 6,5  Grande parata all’inizio del match, poi è costretto ad arrendersi ad un infortunio, quando due avversari gli camminano sopra la caviglia già in disordine. Saracinesca
delli Santi 6,5 E’ il più risoluto della difesa,  anche se a volte eccessivamente macchinoso nel liberarsi della sfera. Generoso
Di Mauro 6 Primo tempo più che accettabile, nel secondo tempo crolla letteralmente sul piano atletico e perde lucidità. Poco allenato
Tatalo 6,5 Contro aveva giocatori decisi,  fa la sua parte anche se spesso in maniera non del tutto precisa, ma l’impegno non manca di certo, oltre alla voglia di crescere in questo gruppo. Lottatore
Fezga 6,5 Il migliore della difesa, anche se la sua condizione fisica non è smagliante, almeno ci mette personalità e ordine. Bravo e freddo nel trasformare il penaty. Glaciale
Impagnatiello 6,5 Salva spesso la baracca con interventi provvidenziali. Al momento è il difensore più affidabile della Nuova Gioventù. Insormontabile
Sicuro 6+  Non è la sua partita, troppi duelli fisici, troppo poco spazio per tecnica e velocita’. Ci mette, pero’ tanto impegno.

Vetrano 6,5 Corre per tre, perché né Tatalo, né Sicuro, hanno la sostanza atletica che “al “ ha dimostrato anche questo pomeriggio. I piedi però sono sempre da registrare. 
Piccolelli 6,5 Prova a sfondare, ma non sempre ci riesce. Un po’ per colpa sua, poiché si intestardisce palla al piede anche quando potrebbe e dovrebbe liberarsi del cuoio, molto per l’assoluta mancata assistenza dei compagni di reparto. Il Falco vola basso
 Scirocco 6  Pronti via, è su di lui viene fatto un fallo molto duro, dal quale non si riprenderà totalmente. Prova a giocare ma non ci riesce. Giustificato
Cavaliere 6+ Primo tempo più che accettabile, nella ripresa  sprigiona tutta la sua energia e scatenarsi in ripartenze devastanti per la squadra di locale. Subisce molti falli.
Grima 6,5  Quando sostituisce Zillo è chiamato in causa in diverse occasioni e si disimpegna molto bene. Incolpevole sulle reti subite. Da incoraggiare
Sicuro A. 6+ Altra buona prestazione, lotta parecchio tra i giganti avversari, un intervento del portiere gli nega la gioia del gol. Bomber
Stefania 6 Si danna l’anima , si conferma giocatore su cui puntare. Trova sempre la soluzione giusta con apparente semplicita’, molte volte è lasciato solo in balia degli avversari.
Vario 6 + La sua zona è presidiata efficacemente. Interventi puntuali e puliti.
Lopriore 6 Giocare contro i centrocampisti dell’Apricena non è semplice e in effetti l’esterno sinistro si vede a tratti. Discontinuo

Nuova Gioventù: Zillo(dal 15’ Grima), Delli Santi, Di Mauro, Tatalo, Fezga, Impagnatiello, Sicuro(dal 65’Vario), Vetrano(dal 70’Lopriore), Piccolelli(dal 73’Stefania), Scirocco(dal 41’Sicuro A.), Cavaliere
Reti: al 32 Fezga, al 40’ Galullo, al 42’ Ferrara e al 50’ Galullo

 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright