The news is by your side.

Il PD di Vieste perde pezzi il segretario Clemente chiede più proposte

23

Si sono dimessi in tre dal coordinamento cittadino del Pd di Vieste. Sono Rosanna Martucci, Rosanna Armento e Matteo Petrone. Qualche giorno fa aveva detto “addio”Antonio Giuffreda, consigliere comunale e quindi, di diritto, nell’organismo cittadino. Motivano la scelta con una presa di distanza dal modo in cui il partito, in buona sostanza, gestisce l’opposizione al governo comunale. Com’è noto il Pd ha chiesto, già da qualche tempo,le dimissioni del sindaco Ersilia Nobile. Per i dimissionari quasi nulla: “A Vieste non è cambiato niente, al di là dei soliti proclami cartellonistici e denunce varie e virtuali, tutto continua come prima anzi no, più di prima”. Ed elencano una serie di iniziative mancate «Nessuna attenzione per l’ambiente”. Inanellano varie critiche alla gestione in carica: “Noi lasciamo il coordinamento, non il partito”. Su quest’ultimo, tuttavia, hanno da ridire. Mauro Clemente, il consigliere comunale reintegrato nella sua carica nonché segretario cittadino risponde: “Siamo in democrazia, accetto la pluralità di posizioni che comunque, devono essere accompagnate da proposte”. Esempi alla mano, ricorda la fase concitata della sua rimozione: “Allora i dimissionari di oggi appoggiarono le richieste della maggioranza, non hanno speso una parola sulla bocciatura del bando di gara per il porto d Vieste, insomma quando il centrodestra è in difficoltà vanno in loro soccorso”. E’ antica la ruggine tra Mauro Clemente ed una parte della segreteria cittadina che non ha mai accettato la sua nomina a segretario cittadino del Pd. “Il dissenso- aggiunge- si esprime portando argomenti, sono loro a non voler partecipare alla vita del partito”. Le dimissioni di Veltroni, cui pure fa riferimento il testo redatto dai tre, hanno provocato di per sé un sussulto. In questo clima da resa dei conti che si espleta, ovviamente, anche a livello locale, il Pd di Vieste ha un ulteriore motivo di divisione: “Continueremo a sostenerlo ma dall’esterno”, dicono i tre. Secondo Clemente il sostegno, nei fatti, non l’hanno mai dato neppure da “interni”.
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright