The news is by your side.

Addio alle lampade ad incandescenza

34

Da questo settembre negli scaffali dei supermercati non troverete più le vecchie lampadine a incandescenza che gradualmente saranno sostituite dalle nuove più economiche ed ecologiche lampadine fluorescenti ed alogene. Dal 2012 l’Europa abbandonerà del tutto le lampadine tradizionali. Questa misura di sostituzione è stata proposta dalla Commissione europea lo scorso dicembre ed è stata approvata da esperti degli Stati membri e dalla commissione ENVI (Ambiente, sanità e sicurezza alimentare) del Parlamento europeo. Dal settembre 2009 le lampadine tradizionali cominceranno a scomparire dagli scaffali dei supermercati. Abbandonare i vecchi "bulbi" permetterà ai cittadini europei di economizzare circa quaranta terawatt (TWh) l’ora che corrispondono al consumo di undici milioni di famiglie europee o all’equivalente della produzione annuale di dieci centrali elettriche di 500 megawatt. Una famiglia che utilizza le lampadine fluorescenti vedrà la sua fattura di elettricità ridotta di almeno 50 euro l’anno. A più vasta scala, l’Unione europea potrebbe risparmiare dai 5 ai 10 miliardi di euro ogni anno."In molte famiglie – ha affermato Satu Hassi, vicepresidente della commissione ENVI – la luce rappresenta il più grande consumo in termini di elettricità. Questa misura apporterà dei benefici non solo all’economia delle famiglie europee, ma anche alla protezione dell’ambiente".Le lampadine fluorescenti compatte consumano, infatti, il 75% di energia in meno rispetto alle lampadine tradizionali e le alogene sono almeno il 25% più efficaci. Al di là del risparmio economico, la nuova misura avrà degli effetti positivi sull’ambiente: circa 15 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica saranno evitati ogni anno. Il regolamento entrerà in vigore dopo venti giorni dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea. I prodotti già presenti sul mercato continueranno a essere commercializzati.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright