The news is by your side.

Diga Occhito/ Mancano 2 metri al livello di allarme

30

La nuova ondata di piogge ha nuovamente fatto crescere il livello dell’invaso della diga di Occhito.

 

Solo pochi giorni fa la parziale apertura dei varchi – resasi necessaria per evitare l’esondazione – coincise con lo straripamento del fiume Fortore, che mandò in tilt ferrovia e strade. Ora la situazione è la seguente: ieri l’acqua arrivava a un’altezza di 193,17 metri, al di sotto della soglia di guardia fissata dalla Protezione civile a 195 metri. «Nulla dì preoccupante» sì affrettano a precisare dal Consorzio di bonifica. La perturbazione però è destinata a sorvolare la Capitanata almeno fino a domenica, ma la soglia di contenimento dell’acqua nell’invaso è di poco al di sotto del limite.
Il direttore del Consorzio di bonifica, Giuseppe D’Arcangelo, fornisce un dato: «Negli ultimi giorni abbiamo ridotto lo sfioro di superficie da 50 a 38 metri cubi al secondo proprio in virtù del fatto che il livello ha ripreso a scendere facendoci guadagnare centimetri nella diga».
Adesso però che il livello dell’acqua ha ripreso a crescere è probabile che il Consorzio, già da oggi, dovrà riportare lo sfioro di superficie ai 50 metri cubi originari. Staremo a vedere. Se sulla diga è piovuto ieri per quasi l’intera giornata, intorno alla valle di Occhito è invece nevicato. Ciò impedisce all’invaso di immagazzinare altra acqua dai terreni.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright