The news is by your side.

Vieste/ Area Vasta, Di Carlo PD. “Si rispetti il Gargano o salti pure il tavolo”

24

Inutile e controproducente, ormai, nascondere le profonde e sofferte motivazioni che stanno all’origine delle lamentele che periodicamente si elevano dalla Montagna del sole: il Gargano soffre di uno stato di isolamento politico-istituzionale che rivendica a gran voce equità, pari opportunità, maggiore considerazione nella ripartizione delle risorse finanziarie da destinare agli enti territoriali. E’ imperativo alzare il livello del contendere per uscire dal secolare stato di abbandono e di isolamento che costituisce ormai patrimonio genetico del Gargano per dare finalmente una risposta concreta a scelte politiche devastanti per il nostro territorio, offensive per la nostra dignità, spesso arroganti e presuntuose che, com’è stato più volte ricordato, non hanno mai tenuto in debita considerazione che il reddito turistico del Gargano, tra i più alti della Puglia, ha da sempre evitato alla provincia di Foggia di porsi agli ultimi posti della classifica nazionale dei redditi.

     Non una polemica sterile, ma un fatto che il Gargano sia ormai a bassissimi livelli in termini di qualità della vita, di servizi, di infrastrutture, per non parlare nello specifico di servizi sanitari, laddove in molte aree costiere si rischia la vita per mancata assistenza o assenza di pronto intervento. E come non considerare un’agricoltura ridotta in molte aree a monocoltura olivicola in via di abbandono nelle zone collinari, in crisi anche nelle aree di pianura, che andrebbe sostenuta con un piano complessivo di interventi finanziari rivolti alla promozione e alla commercializzazione. E che dire dei riflessi negativi di una mancata politica di sviluppo sostenibile su un’occupazione giovanile sempre più incerta, difficile, precaria, vero foglio di via per l’abbandono del suolo natio e il trasferimento di una generazione quasi intera verso altre mete. E perché non parlare di un territorio troppo spesso martoriato, abusato, cementificato, soggetto a scarichi di rifiuti indiscriminati e a mille discariche abusive che costituiscono un gravissimo attentato alla salute pubblica e che, pertanto, richiede scelte politiche precise a tutela e a difesa e di finanziamenti rivolti alle tante bonifiche necessarie.
   
     Apprezzabile l’intervento del Segretario del PS di Vieste, Michele Lapomarda, che invita a non avere fretta, a fare scelte comuni nell’interesse collettivo pubblico dell’intero Gargano, a tralasciare progetti particolari e a unire le forze per un comune e condivisibile obiettivo: il rilancio del Gargano, della sua cultura, del suo ambiente e della sua capacità millenaria di accoglienza.

Michele Eugenio Di Carlo
Assemblea regionale PD


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright