The news is by your side.

Pianificazione Strategica, Di Gioia e Gatta: “Ora si rispettino accordi raggiunti”

25

"L’adesione del Parco del Gargano alla griglia di priorità elaborata dalla Cabina di Regia del piano strategico ‘Capitanata 2020′ è un segnale di apertura importante, per il quale si è lavorato assiduamente. Una dimostrazione del valore della coesione e della condivisione ricercate e raggiunte. Principi che non possono e non devono essere traditi o disattesi nel prosieguo dei lavori che ci impegneranno nelle prossime settimane". Così Leonardo Di Gioia, assessore alla Pianificazione strategica della Provincia di Foggia, commenta l’esito della lunga discussione relativa all’ipotesi stralcio dei progetti contenuti nel Piano Strategico ‘Capitanata 2020′ culminata nella presa d’atto, avvenuta all’unanimità, della gerarchizzazione delle progettualità e degli obiettivi. "La comunità del Gargano – afferma l’assessore Di Gioia – ha il diritto ed il dovere di essere parte attiva nel processo di sviluppo che si sta disegnando per la Capitanata del futuro, che proprio in questa zona geografica ha uno dei suoi maggiori punti di forza e d’eccellenza". "L’Amministrazione provinciale – sottolinea Di Gioia – nel rispetto della funzione di coordinamento politico ed istituzionale esercitata fino ad oggi, sarà garante delle necessità del Gargano, così come di quelle di ogni altra area della nostra provincia, perchè la costruzione di una vera e armonica crescita socio-economica della Capitanata potrà essere realizzata soltanto nella misura in cui le eccellenze di ciascuna realtà saranno messe a disposizione dell’intero territorio, in una logica di sinergia e ‘sistema’". "Siamo estremamente soddisfatti dell’esito della riunione della Cabina di Regia del Piano strategico di area vasta ‘Capitanata 2020′ – aggiunge il presidente del Parco Nazionale del Gargano, Giandiego Gatta -. Si tratta di un risultato importante, che ha consentito il superamento delle riserve che pure la comunità del Gargano aveva legittimamente espresso rispetto ai criteri adottati nello stabilire la griglia delle priorità progettuali". "L’intesa raggiunta – evidenzia Gatta – conferma il rilievo che in questa fase hanno rivestito il dialogo ed il confronto, per i quali ringrazio in particolare l’Amministrazione provinciale, che ha svolto con saggezza, anche nelle fasi più delicate, un ruolo determinante di mediazione per impedire una significativa penalizzare del Gargano". Per il presidente del Parco Nazionale del Gargano, però, "è di tutta evidenza che la presa d’atto della Cabina di Regia non può equivalere ad una ‘cambiale in bianco’". "Svolgeremo con attenzione – conclude Gatta – un’azione concreta per il rispetto dei patti assunti in via formale, continuando a rappresentare e difendere le istanze di una parte strategica del territorio provinciale".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright