The news is by your side.

Puglia/ Trecento edifici a rischio sismico

21

Dopo il crollo della scuoia a san Giuliano di Puglia, su disposizione del governo e per il tramite della Regione sono stati censiti in Puglia 1.200 immobili pubblici odi uso pubblico: solo una piccola parte del patrimonio edilizio esistente. Dei manufatti censiti, 314 sono stati sottoposti ad analisi sulla vulnerabilità derivante da rischio sismico. Nessuno è risultato al riparo da rischi. Si tratta, tuttavia, di edifici costruiti prima del 1984, così come dispose il governo nella richiesta alle Regioni. Dal censimento emerge anche un altro dato, sia pure indiretto. Si spende poco e mal volentieri. Secondo i tecnici della Regione per analizzare i 1.200 edifici fin qui censiti occorrerebbero non meno di 16 milioni di euro. E invece ne sono stati messi a disposizione solo poco meno di due. Il fatto che siano state eseguite poche analisi, dipende anche dalla scarsa disponibilità degli enti locali e delle istituzioni proprietarie degli immobili di cofinanziare gli interventi.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright