The news is by your side.

Il Direttore Generale dell’Asl denunciato per omissione d’atti d’ufficio

27

La denuncia è stata sporta  ieri 27 aprile 2009 presso la Tenenza Carabinieri di Vieste dal comitato per il ripristino dell’eliambulanza con base a Vieste. La denuncia penale si è resa necessaria  per la mancata risposta alla diffida a provvedere inviata in data  all’ASL FOGGIA per richiedere il ripristino del servizio di eliambulanza con base a Vieste , atteso che per il servizio di elisoccorso con base a Foggia gia dal 31 dicembre 2008 è terminato il periodo di sperimentazione. La colpa dell’ASL  emerge dal proprio silenzio, imposto al di là della legalità e del buon senso. Se la sperimentazione del servizio con base a Foggia è finita già da 4 mesi, perché l’ASL non compie gli atti dovuti? I cittadini di Vieste e del nord Gargano in tutti i modi hanno tentato di farsi ascoltare dalle istituzioni competenti in merito alle carenze del servizio sanitario su questo territorio così lontano dagli ospedali, non riuscendoci in alcun modo. Ai viestani e nord-garganici non sono bastati raccolte di firme, cortei cittadini, trasmissioni sulle reti nazionali per smuovere l’ASL FOGGIA e ricordarle che in questo trascurato territorio manca il servizio di emergenza-urgenza. Non solo non si interviene con soluzioni concrete ma coloro che patiscono tali inefficienze sulla propria pelle non hanno (e forse non avranno) nemmeno la soddisfazione di sentire la motivazione di questa INERZIA. La conferma di ciò si è avuta con la mancata risposta (formale, sostanziale, o giustificativa) dell’ASL FOGGIA alla diffida a provvedere  ad essa indirizzata. Ma il bene in gioco (la salute) è troppo importante, e dalla soluzione di questo problema (è proprio il caso di dire) che dipenderà la vita o la morte di molte persone,  perciò, non si può non passare alle denunce penali.
Quindi, considerato che il direttore generale della ASL non vuole rispondere alla gente di questo territorio, allora che risponda innanzi al Tribunale per il reato di omissione d’atti d’ufficio di cui all’art. 328 del codice penale.

Nicola d’Altilia membro del comitato


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright