The news is by your side.

Rifiuti, l’allarme della Provincia

23

L’assessore Pecorella: “Il biostabilizzatore non è ancora pronto”

 

A fine mese dovrà essere pronto l’impianto di biostabilizzazione e la discarica di soccorso dell’Amica a Passo Breccioso. Scade infatti la seconda ordinanza firmata dall’assessore provinciale all’Ambiente, Stefano Pecorella, che ha permesso da ottobre ai Comuni di Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Rignano Garganico, San Giovanni Rotondo e Zapponeta di smaltire i propri rifiuti all’impianto di Cerignola. L’ordinanza fu necessaria all’indomani del sequestro da parte della procura della Repubblica di Foggia della discarica di Passo Breccioso dell’Amica dove oltre al capoluogo smaltivano i propri rifiuti i 26 Comuni dell’Ato foggiano. I centri più popolosi conferiscono i propri rifiuti a Cerignola, gli altri a Deliceto. L’ordinanza ha subito già una proroga e tecnicamente non potrebbe essere più riproposta. «Sono preoccupato perché l’impianto di biostabilizzazione non è ancora ultimato. Il collaudo non è partito e come assessorato abbiamo chiesto integrazioni nella documentazione all’Amica – spiega l’assessore Pecorella – non so se si potrà prorogare l’ordinanza». Pecorella assicura che comunque tutta la documentazione, nel caso a fine mese si dovesse affrontare un’emergenza smaltimento, sarà inviata alla Regione. L’impianto di biostabilizzazione è quasi finito, L’impresa Unieco subentrata all’Agecos dopo le sentenze del Tar e del Consiglio di Stato sta «ultimando l’assemblaggio di alcune condotte e le pareti delle biocelle», spiega il presidente dell’Amica, Elio Aimola. I lavori avrebbero però subito un rallentamento a causa della mancata liquidazione da parte del Comune, l’ente appaltante, degli stati di avanzamento. Su otto milioni ne sarebbero stati liquidati appena 1 milione e mezzo di euro.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright