The news is by your side.

Calcio Promozione play-off/ Fortis Trani – Atletico Vieste 0–0

17

Una finale dai mille rimpianti per l’Atletico Vieste mal gestita nella gara giocata proprio a Vieste, inutile poi recriminare se a Trani la squadra viestana è stata fin troppo all’altezza. Nel calcio esistono anche le tattiche di gioco e la Fortis Trani l’ha messa in pratica alla perfezione al “Riccardo Spina” per cui è stato più agevole gestire la gara di ritorno.
Franco Cinque anche questa volta ha preparato la gara a puntino rigenerando una squadra un po’ logorata, l’ha preparata sul piano fisico e mentale, e su un campo con l’erba alta con un clima afoso non era affatto facile tenere i ritmi alti, il Vieste non solo ha resistito al forte caldo ma in certi frangenti della gara ha cercato di mettere sotto la Fortis Trani che dal canto sua mai ha accusato sbandamenti difensivi dimostrando così la solidità di un reparto che sicuramente ha rilanciato un po’ tutta l’immagine della squadra.
In questi play-off nessun gol subito e solo uno segnato, che strano questo calcio col Vieste che ha ottenuto due vittorie in campionato sulla Fortis, ha segnato due reti senza subirne alcuna e poi perde questa finale e forse l’Eccellenza sol perché ha sbagliato tanto in campionato, anche questo calcio và accettato con le giuste riflessioni.
E’ giusto raccontare pure questa gara che seppur ha regalato pochissime emozioni comunque ha messo in evidenza il giusto valore di due squadre che tutto sommato si sono equivalse nel doppio confronto.
Il primo sussulto al primo giro d’orologio con l’Atletico Vieste che ha sfiorato il vantaggio con Rocco Augelli sfortunato nell’impatto col pallone, più che un colpo di testa c’è stato un colpo d’orecchio che è finito fuori di pochissimo.
Al 22’ Maurizio Gentile per Rocco Augelli che in piena area non riusciva nella deviazione a rete, la Fortis rispondeva solo al 28’ con Terrone ma il pallone finiva alto sopra la traversa.
Tutto qui il primo tempo con la Fortis Trani ordinata e ben messa in difesa con il Vieste un po’ bloccato nelle azioni offensive, Colella in giornata no o bravi i difensori tranesi?…”non mi hanno fatto giocare..sono stato braccato per tutta la partita..così ha commentato la sua scialba prestazione il fantasista Angelo Colella”..
Nella ripresa la gara restava bloccata sullo 0 – 0 con il Vieste che si rendeva pericoloso al 28’, Domenico Pellegrino subentrato a Di Iorio riusciva a calibrare un bel traversone in area per Elia Gravinese, l’attaccante sipontino non riusciva a sfruttare l’occasione poi toccava a Maffeo al 26? Tentare il gol con un colpo di testa di poco sopra la traversa.
Col passar dei minuti prendeva consistenza l’ordinata difesa tranese e scemava quasi del tutto la già sterile manovra offensiva viestana, poi nei minuti finali saltavano gli equilibri in tutte e due le squadre, l’eccessiva caluria e la stanchezza dei giocatori era la cause delle ammucchiate in area tranese, al 94’ Lorenzo Salerno non sfruttava adeguatamente una favorevole occasione..poi il triplice fischio finale gettava i viestani nello sconforto.
Alla fine tutti d’accordo nel riconoscere ai giocatori viestani il merito di essere arrivati sino in fondo dimostrando carattere e qualità, resta il rammarico di aver compiuto l’impresa di Grumo e poi aver vanificato tutto per un campionato costellato da molti errori.
Ora si volterà pagina ed in sede di consuntivo si saprà questo Vieste quale futuro avrà, a chi sarà affidato, Franco Cinque..bisogna dirlo  ha cambiato mentalità a questa squadra, l’ha resa più compatta e più fisica specie nelle gare esterne, per sua stessa ammissione questo Vieste è stato “soffocato” nella sua fantasia e nella sua brillantezza nel gioco di rimessa e secondo il tecnico può migliorare ancora del 30%..
In campionato con la gestione Franco Cinque ci sono stati 7 pareggi e 3 vittorie, in questi play-off 2 vittorie e 2 pareggi, praticamente squadra imbattuta da 14 turni con una media punti di 1,7 a partita.
Michele Mimmo invece in 20 partite ha totalizzato 10 vittorie, 3 pareggi e 7 sconfitte, 33 punti e la stessa media punti..ma quello era un Vieste che giocava meglio in casa ed era troppo vulnerabile in trasferta…programmato per vincere e vittima di troppe ipocrisie.
A questo punto sia a Michele Mimmo che a Franco Cinque và riconosciuto il grande lavoro svolto ma spesso nel calcio prevalgono altre logiche e quindi inizia sin da adesso il legittimo interrogativo che ci accompagnerà per tutto il mese di giugno..chi sarà il nuovo allenatore dell’Atletico Vieste?

FORTIS TRANI: D’Elia, Lapegna, Tursi, Santibanez, Maffeo, Cannillo, Bagnara (dal 31’ st Gusmai), Di Bari (dal 49’ st Clementelli), Terrone (dal 43’ st Zaza), Giardino, Fabiano.
ATLETICO VIESTE: Bua, Silvestri, Di Iorio (dal 15’ st Pellegrino), Sollitto (dal 37’ st Salerno), Stellato, Cariglia, Augelli Rocco, Ducange, Gentile, Colella, Gravinese. A disposizione: Lo Muscio, Scirpoli, Latorre, Campaniello. All. Franco Cinque
ARBITRO: Giovani di Grosseto
NOTE: espulso al 49’ st D’Elia per doppia ammonizione

                                          Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright