The news is by your side.

Ok Provincia a taglio «piante interferenti» sul Gargano

20

Ok Provincia a taglio «piante interferenti» con linee At del Gargano. Sannicandro Garganico, San Giovanni Rotondo, Ischitella, Vieste e Manfredonia: queste le aree interessate alla disposizione provinciale. L’intervento è stato preceduto da una ‘Valutazione d’Incidenza’ sull’area garganica, per una «consona gestione» delle zone comprese nei ‘Siti Natura 2000’. Siti "ospitanti” habitat e specie censite nei proposti ‘pSic’ (Siti di Importanza Comunitaria) e Zps (Zone di Protezione Speciale), del territorio, costituenti la ‘Rete Natura 2000’ dell’Unione per la «salvaguardia della biodiversità». Due i livelli di valutazione stabiliti dalla Regione: una preliminare  fase di “screening” (con scheda anagrafica sottoscritta dal tecnico valutatore e dal progettista, che se ne assumono “piena responsabilità”) ed una “valutazione appropriata” successiva, consistente nella redazione di uno studio di incidenza precedentemente definito. Terna S.p.a. la società richiedente  la valutazione di incidenza ambientale per il taglio delle piante «interferenti». La richiesta riguarda una superficie pari a 4800 metri quadri e l’abbattimento di 127 piante a «rischio di interferenza». In particolare si tratta di pini d’aleppo, da estirpare per evitare «l’assodarsi di un arco elettrico tra i conduttori e gli alberi», con dispersione succesiva di corrente nel terreno limitrofo e «pericolo per le persone presenti in zona» (oltre che per l’integrità del bosco e dell’elettrodotto). ‘Bosco Iancuglia, ‘Valloni e Steppe Pedegarganiche’, ‘Promontorio del Gargano’ e parte di aree gestite dall’ente Parco: queste le zone Sic e Zps nelle quali sono comprese le linee At interessate alla disposizione provinciale.  Non superiore ai 25 metri l’area sottostante le linee «da interessare al taglio»; da preservare, invece, la vegetazione del sottobosco e le essenza arboree pari a 6 metri.
(IlGrecale)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright