The news is by your side.

Nella città di San Pio per sconfiggere la Spina Bifida

17

Dal 12 al 14 giugno, il campo estivo dell’Apusbi in collaborazione con “Casa Sollievo”.

 

Si svolgerà venerdì, sabato e domenica il Campo Estivo Educativo Riabilitativo “Un passo verso l’autonomia.” Il 12-13 e 14 giugno, il “Centro di Accoglienza Approdo” di San Giovanni Rotondo ospiterà convegni, attività ricreative e incontri dedicati ai malati di spina bifida e ai loro familiari. L’iniziativa è organizzata dall’Apusbi (Associazione Pugliese Spina Bifida e Idrocefalo) presieduta da Domenico Innaimo in collaborazione con l’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo. Il Campo estivo fa parte del progetto “Modello di assistenza multidisciplinare a pazienti affetti da spina bifida per favorire l’integrazione socio-sanitaria” ed è finanziato dal fondo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Il campo si prefigge, attraverso attività formative, educative e ludico-ricreative, di sviluppare la solidarietà fra le famiglie in modo da condividere le problematiche attinenti alla cura e all’assistenza della malattia. “Il punto centrale di questa iniziativa – ha dichiarato Innaimo – è lo sviluppo di attività di gruppo tra i ragazzi e i genitori e momenti di formazione, di scambio di esperienze e attività di socializzazione”. A organizzare i vari momenti di gioco e di svago, arriverà da Carlantino il “Gruppo Giovani”, un sodalizio animato da ragazze e ragazzi che da diversi anni sono impegnati in attività di volontariato. Il campo, inoltre, per la presenza di diversi professionisti socio-sanitari diventa uno strumento di supporto all’assistenza del paziente svolta prevalentemente in ambito ambulatoriale. “Queste iniziative – ha concluso Innaimo – servono a migliorare la qualità della vita attraverso processi di conoscenza e di condivisione per il raggiungimento dell’autonomia personale e per l’integrazione sociale del malato e della sua famiglia”.  
LA SCHEDA
La spina bifida (nome scientifico mielomeningocele) è una malformazione congenita a carico del sistema nervoso centrale che consiste nella mancata chiusura del tubo neurale. Malformazione che avviene durante il primo mese di gestazione. Una o più vertebre anziché chiudersi regolarmente rimangono aperte ed il midollo spinale fuoriesce. Poiché la colonna vertebrale ed il cervello sono interessati dalla circolazione del liquor (liquido celebrale) nell’80% dei casi questo liquido si accumula nel cranio causando l’idrocefalo. Le conseguenze della spina bifida sono soprattutto tre. La prima è la compromissione motoria degli arti inferiori, con frequenti malformazioni ai piedi. La seconda è la disfunzione dell’apparato urinario con conseguente incontinenza urinaria, infezioni o, peggio, la compromissione della funzione renale. La terza, infine, è il mancato controllo degli sfinteri che produce incontinenza fecale e stitichezza. Guarire dalla spina bifida non è possibile, ma si può fare molto per arrivare ad una qualità della vita accettabile con un buon inserimento nella società. Lo strumento di prevenzione principale è il maggior apporto di acido folico nel periodo peri concezionale. Come dimostrato da numerosi studi, infatti, l’integrazione della dieta materna con l’aggiunta di acido folico riduce del 50-70% il rischio di avere un figlio con spina bifida.
Associazione Pugliese Spina Bifida e Idrocefalo Via Pascoli, 1 – 71030 Carlantino (Fg)
Tel. 0881.552103 www.apusbi.it e-mail: info@apusbi.it – apusbi@email.it

Presidente: Domenico Innaimo – Cell. 333.4455011


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright