The news is by your side.

La crisi in Capitanata, i sindacati delle costruzioni esprimono preoccupazione al Prefetto

17

“La crisi economica continua a colpire il sistema produttivo di Capitanata. Negli ultimi mesi del 2009, il ricorso agli ammortizzatori sociali potrebbe non essere più sufficiente a fronteggiare la caduta dell’occupazione nel settore delle costruzioni”.  E’ quanto emerso nel corso di un incontro svoltosi in Prefettura alla presenza del Prefetto, Antonio Nunziante, al quale sono intervenuti: i segretari provinciali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, Pasqualino Festa, Urbano Falcone e Vitantonio Pasqualicchio; il direttore della Cassa Edile di Capitanata, Franco Marseglia; l’Assessore Provinciale, Vito Guerrera; il Sindaco di Foggia, Gianni Mongelli; i rappresentanti dei Comuni, delle Forze dell’Ordine, delle istituzioni competenti e dell’associazione degli industriali. Le organizzazioni sindacali hanno espresso forte preoccupazione per il calo del 20% dei lavoratori delle costruzioni attivi, registrato nel corso dei primi mesi dell’anno 2009 presso la Cassa Edile di Capitanata. La crisi sta investendo significativamente il comparto lapideo e gli impianti fissi del laterizio, nei quali il ricorso alla Cassa Integrazione ha raggiunto il limite massimo delle 52 settimane: un dato allarmante che, secondo i sindacati di categoria, comporta un serio rischio di perdita di posti di lavoro, già a partire dai mesi successivi alla stagione estiva. Le segreterie territoriali di Feneal, Filca e Fillea hanno altresì evidenziato una nuova massiccia diffusione del lavoro nero nelle costruzioni, unitamente all’abuso dello strumento del part – time da parte di numerose imprese del settore. Pertanto, hanno chiesto un argine a questi fenomeni che, oltre a colpire i lavoratori, costituiscono una concorrenza sleale che danneggia le imprese che rispettano le regole. Le organizzazioni sindacali hanno registrato con favore la disponibilità manifestata dal sindaco Mongelli alla realizzazione di un protocollo di’intesa e di un osservatorio comunale sul fenomeno del lavoro nero. Nell’incontro in Prefettura, si è altresì convenuto di mantenere aperto il tavolo di confronto, che verrà quindi riconvocato nei prossimi giorni per mantenere alto il livello d’attenzione ed individuare azioni comuni per far partire in primis i lavori già progettati e finanziati e dare slancio all’edilizia popolare e residenziale, leva strategica del comparto delle costruzioni, trainante dell’intera economia di Foggia e provincia.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright