The news is by your side.

Vieste/l’Acquedotto: “Si assicura attenzione e vigilanza per garantire l’approvvigionamento idrico”

22

Sono Giacomo Scirpoli e vi scrivo questa mail in qualità di semplice cittadino Viestano e abitante del centro storico…..vi vorrei portare a conoscenza (ammesso che non lo siate già) del problema della mancanza dell’acqua che ormai per il terzo giorno consecutivo affligge la nostra zona. Ecco vorrei chiedervi se voi con i vostri mezzi riuscite a sollecitare qualcosa,visto che se ci rivolgiamo all’acquedotto pugliese ci indica l’amministrazione come responsabile e se ci rivolgiamo all’amministrazione,ci indica l’acquedotto pugliese come responsabile….se sapete qualcosa in piu in merito e se volete darci una mano,ve ne sarei infinitamente grato……..
Grazie per la vostra attenzione.

Tante le segnalazioni al riguardo. Di seguito il carteggio tra l’Acquedotto e l’Amministrazione viestana
.

Spett.le ACQUEDOTTO PUGLIESE
Via Cognetti, 36
BARI
Utenza fax 080 5232217

Spett.le DIREZIONE OPERATIVA
UNITA’ TERRITORIALE FOGGIA
C.a. Ing. Pasquaale ARACE
Utenza fax 0881 728393
FOGGIA

E p.c. C.a. Preg.ma S.E. Sig. PREFETTO DI FOGGIA
FOGGIA

                           

OGGETTO – Carenza idrica in atto a Vieste.  Comunicazione.

Si riscontra Vs nota (Prot. Uscita 27.07.2009 – 0100476) rappresentando che, pur prendendo atto delle Vs prospettate contromisure la cui efficacia non sembra profilarsi immune da ulteriori carenze (“Una eventuale diminuzione di pressione, a causa dei notevoli assorbimenti, si potrebbe verificare nel tardo pomeriggio con CONSEGUENTI LIEVI DISAGI…), l’entità del disservizio registratosi ha assunto contorni emergenziali e come tale non può che richiedere interventi straordinari e risolutivi immediati.

Reiteriamo pertanto la richiesta di detti interventi atti a scongiurare del tutto e definitivamente l’insorgenza di nuove situazioni di carenza idrica in loco, puntualizzando che questo Comune, assumendosi oneri rilevantissimi, si è dotato di un serbatoio idrico di capacità tale da potersi immunizzare dalla incidenza anche minima di simili emergenze. Tuttavia per Vostro inadempimento nell’approvvigionamento idrico di detto impianto, lo stesso risulta del tutto inservibile e le cause suffraganti tale mancato rifornimento risultano tuttora incomprensibili ed ingiustificate. Una condotta più previdente avrebbe dovuto suggerire tutt’altra determinazione al riguardo. 

Non possiamo allo stato ritenerci rassicurati da quanto da Voi comunicato con grave ritardo e ribadiamo la ferma volontà che perdurando ulteriormente tale disagevole situazione non esiteremo ulteriormente ad adire le vie legali per ogni forma di tutela e di richiesta risarcitoria. Non senza rimarcare che detta situazione espone il Vs ente a forme di protesta clamorose approntate da larghissima rappresentanza di utenti.

Si raccomanda, infine, di far precedere qualsivoglia Vs intervento sull’erogazione idrica da opportuna informazione e comunicazione preventiva.

Cordialmente

Vieste, il giorno 27 luglio 2009   
                                Il Sindaco
    Dr.ssa Ersilia NOBILE

La risposta dell’ Acquedotto pugliese al sindaco di Vieste dott. Ersilia Nobile e al Prefetto Antonio dott. Nunziante

 

Oggetto: Carenza  idrica del 25 luglio 2OO9
Si riscontra la nota sindacale del 25 c.. prot. 19 ed il telefax prefettizio prot. 1500 del 25 u.s. e si partecipa di aver adottato le necessarie misure per assicurare una adeguata fornitura idrica consistenti in restrizioni per l’intera fascia del Gargano comprendente i Comuni di Cagnano Varano, Carpino, Frazione San Menalo, Ischitella, Lido del Sole, Peschici, Rodi Garganico, San Nicandro Garganico, Vico del Gargano, sì da permettere di assicurare una adeguata fornitura idrica dell’abitato ed esaudire le legittime aspettative di codesta collettività.
Dalle prime ore della giornata odierna il livello del serbatoio risulta ad un altezza di in. 1,30 che permetterà una distribuzione uniforme per la parte bassa ed alta dell’abitato.
Una eventuale diminuzione di pressione, a causa dei notevoli assorbimenti, si potrebbe verificare nel tardo pomeriggio con conseguenti lievi disagi (contenuti nel tempo) esclusivamente alle abitazioni sprovviste di impianto privato di accumulo (serbatoi ed autoclavi) e comunque la situazione si andrà a migliorare progressivamente.
Dal versante di Mattinata la risorsa raggiunge il serbatoio con una portata di 15/20 litri al secondo. La rete viene monitorata (h.24), nonché continuamente sorvegliata da personale di questa Unità Territoriale per sventare qualsiasi tentativo di prese abusive.
Si assicura comunque una particolare doverosa attenzione e vigilanza per garantire l’approvvigionamento idrico dell’abitato al fine di evitare il ripetersi delle situazioni pregresse

Distinti saluti
Dr. Federico M. de Peppo Uva


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright