The news is by your side.

Riceviamo e Pubblichiamo

26

COME MAI??
Risulta che il partito socialista di Vieste abbia presentato la proposta della reintroduzione di un impianto di dissalazione nel nostro territorio e precisamente in Località Mandrione. Ciò avrebbe evitato il problema dei “rubinetti a secco” che in questi giorni stanno interessando la nostra città.

Risulta anche che il nostro comune, dove peraltro i nostri
Amministratori in questo periodo di caldo risultano inesistenti, non
abbia neanche presentato il progetto che avrebbe fatto arrivare un
contributo statale di qualche milione di €uro!!

Ripropongo un’articolo:
Incontro Anci-Regione su dissalatori. Introna ASS.: "Faremo quelli
piccoli" L’assessore alle Opere pubbliche, Onofrio Introna, ha
incontrato oggi il presidente di ANCI Puglia, Michele Lamacchia per
fare il punto sulla situazione dei dissalatori. “Alla Regione – spiega
Introna – sono già pervenute le manifestazioni di interesse per
ospitare piccoli dissalatori soprattutto per le zone turistiche di
Racale (Le) e Ostuni (Br), oltre a quello di Bari”. “Abbiamo deciso –
continua l’assessore – di chiedere all’Acquedotto Pugliese una scheda
con i luoghi costieri dove sarebbe più facile e opportuna l’
installazione di apparecchiature piccole, a basso impatto ambientale e
gestibili per la presenza di infrastrutture come serbatoi e adduttori”.
Questi dissalatori sono fonti aggiuntive e strategiche, che potranno
essere realizzate con il consenso dei territori lì dove sono necessari
per la presenza soprattutto estiva di afflusso turistico, al contrario
delle grandi opere previste nel 2004 dal precedente governo, che sono
state bloccate anche per l’ostilità dei comuni dove erano state
localizzate”. “La Regione – conclude Introna – continuerà il rapporto
istituzionale con i Comuni pugliesi per localizzare gli impianti
locali”. VIESTE, 30.12.2008

 

D. A.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright