The news is by your side.

Eliambulanza vs Elisoccorso: la delibera della ASL FG

15

Con delibera n. 1450 del 26 giugno 2009 è stato dato il definitivo addio al servizio di eliambulanza per lasciare lo spazio all’elisoccorso con base operativa a Foggia

Leggendo il carteggio ufficiale, si resta sconcertati dalla disparità di cifre relative ai due servizi di trasporto in elicottero: per la accantonata eliambulanza il costo fisso annuo è quantificato in Euro 650.000 con un costo per ora di volo pari a Euro 500 mentre il subentrante elisoccorso CI costa Euro 2.088.000 (il 321%) all’anno e Euro 1500 (il triplo) all’ora.

Curiosamente, dal prospetto riepilogativo allegato alla delibera si evince chiaramente la non-economicità della scelta della ASL: infatti, la somma di quasi quattro milioni di Euro necessaria per consentire lo svolgimento del servizio di elisoccorso dal 22 luglio 2008 al 24 marzo 2010 avrebbero permesso l’uso dell’eliambulanza dal primo maggio 2008 al 31 dicembre 2013!!!

Fa rabbia leggere queste cifre all’indomani della comunicazione da parte della Regione Puglia che il buco nella sanità è pari a un miliardo di Euro,;quando, cioè, la necessità di ridurre il disavanzo va a cozzare col triplicare dei costi di gestione di un servizio, senza, peraltro, ottenere un comparabile giovamento.

Sempre nel carteggio che forma la delibera, vengono decantate le possibilità dell’elisoccorso di poter intervenire sui luoghi dove è richiesto il soccorso grazie all’ausilio di un verricello ma non viene mai citato quante volte lo stesso strumento è stato utilizzato e quante, invece, l’elicottero si è servito delle elisuperfici solitamente utilizzate dall’eliambulanza.

Quantomeno ridicolo il raffronto tra il numero di interventi dei due diversi servizi, paragonati nel periodo di compresenza (dal 22/07/2008 al 30/08/2008): premesso che era la base operativa del 118 a stabilire quale mezzo si dovesse sollevare, l’elisoccorso stravince la gara con il punteggio di 50 a 6!!!

Ma non dimentichiamoci che un turista tedesco è rimasto per ore sul suolo dell’elisuperficie in attesa dell’arrivo del mezzo di trasporto da Foggia stando a pochi metri dall’eliambulanza ferma perchè… sprovvista di pilota!

Dei 50 interventi richiesti, per 30 volte il soccorso è stato concluso con il trasporto del malato/ferito presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e solo 11 verso gli Ospedali Riuniti di Foggia.

170 sono state le missioni compiute dall’elisoccorso nei 295 giorni di sperimentazione: di queste, ben 131 sono state effettuate sul Gargano (87 soltanto a Vieste, 20 a Peschici, 14 alle Isole Tremiti, 3 a Rodi, 2 a Vico e 1 a Pugnochiuso, Carpino e Monte Sant’Angelo).

Alla luce di questi numeri, è evidente che la maggiore necessità di utilizzo di un servizio di elitrasporto è dal Gargano verso il Gargano. Perchè, quindi, tenerlo a Foggia e non spostarlo a Vieste (realizzando le infrastrutture necessarie per il corretto utilizzo) o presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo?

Ogni altra considerazione la lasciamo ai lettori.

Link: Delibera della ASL FG n. 1450 del 26/06/2009

Sandro Siena


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright