The news is by your side.

Al Manfredonia il triangolare di “San Pio”..ma l’Atletico Vieste non sfigura….anzi fa’ bella figura

19

San Giovanni Rotondo – Atletico Vieste 1 – 1 (ha vinto il Vieste ai calci di rigore)
San Giovanni Rotondo – Manfredonia 0 – 1
Manfredonia – Atletico Vieste 2 – 1 Una manifestazione organizzata in sordina con l’assenza quasi totale del pubblico non ha reso onore alle compagini di San Giovanni Rotondo, Atletico Vieste e Manfredonia (Seconda Divisione) che invece hanno onorato l’impegno giocando un buon calcio.
Nella classica formula dei tre tempi da 45’ hanno cominciato ad aprire le danze i padroni di casa del San Giovanni Rotondo (Prima categoria) allenati da Michele Centra e l’Atletico Vieste (Promozione) di Franco Cinque.
I padroni di casa sono passati subito in vantaggio con Longo che ha trafitto Barbone, poi la pattuglia dei juniores viestani, ben otto in campo, schierata da Franco Cinque si è fatta apprezzare per dinamismo e caparbietà, bei numeri quelli di Raffaele Malavisi che ha un tasso tecnico notevole, come pure evidente l’apporto di Michele Melchionda che al centro della difesa ha fatto buona guardia, nel San Giovanni Rotondo si è fatto apprezzare l’ex Giuseppe Di Iorio, risultato finale 1 – 1 col Vieste che ha acciuffato il pareggio proprio nel finale di gara.
Alla lotteria dei rigori l’ha spuntata il Vieste e quindi la seconda gara è stata giocata tra San Giovanni Rotondo e Manfredonia, una gara molto piacevole soprattutto per merito dei tanti giovani che Michele Centra ha messo in campo, il Manfredonia anch’esso schierato con i suoi giovani ha avuto molte difficoltà a superare i padroni di casa.
Dopo due tiri stampati sulla traversa da parte dei sipontini è arrivato il gol del vantaggio che ha chiuso la partita, ma i meriti vanno tutti agli indomiti giovani del San Giovanni Rotondo che sono stati davvero bravi e non hanno affatto sfigurato.
Nella terza gara quella tra Manfredonia ed Atletico Vieste si è visto uno spettacolo di calcio più interessante con i due tecnici che hanno mandato in campo la formazione titolare, un vero test per le rispettive gare di domenica prossima.
Il Vieste ha sicuramente ben figurato tenendo testa al più quotato avversario, specie il reparto offensivo del Vieste è sembrato molto competitivo col trio Trotta-Gentile-Zoila che hanno impensierito non poco la difesa avversaria.
Il Manfredonia nel giro di poco tempo ha siglato due gol frutto più della complicità della difesa viestana che della limpidezza della propria manovra offensiva, il primo gol è giunto dopo una vistosa indecisione della difesa viestana, l’altro su una leggerezza difensiva che ha causato un rigore davvero inutile.
La reazione da parte dei viestani c’è stata e su una incursione in area il Vieste ha trovato un calcio di rigore trasformato da Maurizio Gentile..poi tutti sotto la doccia a riflettere per domenica.
Un Vieste sicuramente competitivo ma col solito tallone d’achille in difesa che si spera non sia determinante nel campionato, i giovani juniores sono interessanti, il peso offensivo del Vieste è quasi impressionante, a centrocampo l’assenza di capitan Ducange ed Antonio Scarano si è notata tantissimo, il pur bravo Angelo Colella è stato costretto a proteggere la difesa insieme a Matteo Silvestri…già la difesa…….!!!!!
Paolo Augelli in forma smagliante ha dimostrato quanta classe c’è nei suoi piedi..ma quando cade si gela il sangue…..il fratello Rocco è in arrivo ma con la giusta precauzione..per Franco Cinque non resta che trarre le giuste conclusioni e riflettere come riparare in fretta quelle incertezze della difesa che sono troppo evidenti.
                                                                     Michele Mascia


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright