The news is by your side.

Foggia-R.Marcianise: Si chiude un ciclo

23

Vergognatevi! Con questo grido unanime si è conclusa la gara con il Real Marcianise, ma probabilmente si e concluso un ciclo, uno dei tanti nei quasi 90 anni di storia dei colori rossoneri.

Da un po’ di tempo avevano mollato i soci ma dopo la catastrofica gara dello Zaccheria sembra che siano in tanti a voler abbandonare la nave che affonda. C’e da salvare almeno la categoria ma se il Marcianise giunto a Foggia rappresentava il classico fanalino di coda, l’impresa a questo punto risulta essere assai ardua ed insidiosa. D’altro canto la squadra ha manifestato dei grossi limiti sul piano del gioco ma soprattutto ha evidenziato carenze tecniche dei singoli calciatori in balìa totale degli avversari ed incapaci anche delle giocate più elementari; probabilmente quest’anno si è osato troppo realizzando un cocktail tra "fenomeni" che giocano svogliati e desiderosi di cambiare aria e che alla fine passeggiano per il campo e ragazzi inesperti che magari danno il massimo che è purtroppo insufficiente per quello che questo pubblico si attende; il tutto poi condotto da due tecnici inesperti che non sono in grado di gestire una situazione diventata ormai difficilissima. Sicuramente questo è il prezzo da pagare dopo tre play off buttati al vento, tre occasioni che avrebbero potuto cambiare il corso della storia e che invece potrebbero mettere la parola fine al calcio a Foggia: non si tratta di essere disfattisti o qualunquisti ma in una città con mille problemi, con l’immondizia che giace abbandonata agli angoli delle strade, pensare di trovare forze fresche capaci di risollevare le glorie dell’ US Foggia, diventa veramente una impresa a dir poco irrealizzabile. La società? Sicuramente ha messo fuori dei soldi ma forse andavano distribuiti in modo diverso evitando di dare carta bianca a Salerni con più di un contratto troppo oneroso per la categoria, e chiedere oggi un campionato che preveda una salvezza tranquilla con un gruppo di ragazzini di buona volontà; c’e veramente poco da stare tranquilli, all’orizzonte non sembra palesarsi un nuovo sodalizio e le prospettive di vanificare quella grandiosa cavalcata che fu sapientemente guidata da mister Marino, sono purtroppo maledettamente fondate.

Rocco RUO redazione sportiva ondaradio

 
fonte – Alberto Mangano – Redazione Foggialandia.it

error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright