The news is by your side.

Vieste/ “Giustizia per l’auto incendiata a mio figlio”. Riceviamo e pubblichiamo

23

Mi presento, sono la mamma di un ragazzo a cui hanno incendiato l’auto, un ragazzo che per guadagnarsi lo stipendio percorre 40 km al giorno, facendo la spola da Vieste a Vico, faceva questa strada tutti i giorni con la sua auto che si stava pagando a rate. Adesso,niente auto! Ma le rate da pagare si! Cosa fà la polizia a Vieste? Cosa fanno i carabinieri? Io non vivo a Vieste ma essendo nata lì ed avendo tutti i miei parenti, compreso il maggiore dei miei figli, a cui è successo il fattaccio, mi sento profondamente indignata. Penso che sia ora di aumentare i controlli, le sorveglianze, affinchè fatti di questo tipo non accadano più. Ormai si sà quali sono i quartieri a rischio, spero che le autorità competenti, prendano coscienza dell’aumento della piccola e grande criminalità che si stà manifestando a Vieste e si adoperino affinchè facciano un pò di pulizia e il paese possa dormire tranquillo e non con il patema d’animo di non ritrovare più l’auto o la casa o addirittura perdere la vita perchè qualche delinquente nella fretta sbagli bersaglio e colpisca un’innocente. Mio figlio ha perso l’auto, e se avesse perso la vita? Visto che come dicono c’è stato uno sbaglio di persona!
Personalmente sono convinta che le autorità sappiano chi sono questi delinquenti,e allora perchè non li sbattono in galera e gettano le chiavi? Questa non è solo la lettera di una mamma a cui hanno provocato un danno al proprio figlio, ma è anche la lettera di una viestana che vive lontano e sentendo tutto quello che stà succedendo nel proprio paese natale si sente profondamente indignata!
Concludo con la speranza che chi può faccia qualcosa al più presto, affinchè i ragazzi non corrano pericolo e le famiglie possano vivere tranquille, spero che questo mio desiderio non rimanga un’utopia!

Un saluto
Donatella Vescera.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright