The news is by your side.

Regione Puglia, guerra agli assenteisti. Più controlli da oggi sui dipendenti

19

Verifiche elettroniche solo su 200 impiegati su 3mila. Pronto l’appalto per fornire di «smart card» i lavoratori.

 

Si chiama sistema automatico di rilevazione del­le presenze. Tradotto: se sei in ufficio e per quanto tempo la­vori, lo attesterà la smart card che ciascun dipendente dovrà strisciare nell’apposita macchi­netta, all’entrata e all’uscita. Tempo qualche mese e il siste­ma sarà applicato a tutti i tre­mila dipendenti regionali. Nul­la di nuovo rispetto a tanti al­tri enti pubblici e aziende pri­vate. La novità consiste nel fat­to che il dispositivo, applicato ora solo ai circa 200 dipenden­ti che lavorano nel palazzo del Consiglio regionale, sarà este­so a tutti gli altri dipendenti entro il primo semestre del 2010.
L’indispensabile, per proce­dere, c’è. Ovvero: le risorse ne­cessarie (circa 900mila euro stanziati) e il bando di gara per l’allestimento dell’intero apparato (pubblicato in questi giorni sul Bollettino ufficiale). «Entro la fine dell’anno – pro­nostica Pasquale Chieco, diret­tore dell’area Organizzazione ­potremo firmare il contratto con l’azienda vincitrice dell’ap­palto. Poi, nel giro di tre o quattro mesi, il sistema sarà applicato per andare a regime nelle settimane successive». Una cura anti-assenteismo? «Sì – replica l’assessore al Per­sonale Guglielmo Minervini ­ma non solo. È certo una misu­ra per contrastare assenze in­giustificate, sebbene il tasso pugliese non sia superiore alla media. Con il nuovo sistema contiamo di migliorare in ge­nerale l’efficienza della mac­china amministrativa». La de­cisione deriva tuttavia dalla ne­cessità di rispettare una nor­ma di legge. La Finanziaria 2008 ha introdotto l’obbligo della rilevazione automatica dell’orario ai fini della retribu­zione del lavoro straordinario.
La decisione ha un prece­dente storico, abbastanza data­to. A metà anni Novanta il si­stema (seppure non sulla tota­lità dei dipendenti) fu applica­to per volere dell’allora asses­sore Francesco Adduci. Quan­do le macchine si deterioraro­no, però, non furono mai sosti­tuite. Si trattava, all’epoca, di un metodo abbastanza grezzo di reperire le informazioni. Gli apparati si limitavano a regi­strare l’ingresso e l’uscita. Il nuovo sistema, stando al disciplinare che accompagna il bando di gara, è ben più complesso. Il software sarà in grado di svolgere una serie di funzioni: rilevare l’ingresso e l’uscita è solo la più semplice. L’apparato (che segnala ogni anomalia al computer del diri­gente da cui il lavoratore di­pende) sarà in grando anche di tenere conto dei margini di flessibilità (in ingresso e usci­ta) consentiti dal contratto di lavoro. Non solo. Il sistema è in grado di registrare l’allonta­namento dall’ufficio e i relati­vi motivi, le missioni in altre sedi regionali (con la conse­guente aspettativa dell’uso del­la smart card nell’ufficio di de­stinazione), persino di regi­strare l’assenza per malattia. In questo caso, il lavoratore do­vrà fornire l’indicazione al tele­fono, una voce pre-registrata consentirà di trasferire le infor­mazioni al cervellone elettroni­co. E da questo all’ufficio che si occupa di disporre la visita fiscale.
Se, viceversa, l’appara­to dovesse constatare che si tratti di un’assenza ingiustifi­cata, ad essere informato sarà il dirigente. Tutto questo con­sentirà un risparmio di tem­po, di carta e di lavoro ai diri­genti. La smart card, infine, po­trà essere utilizzata per caricar­vi altre informazioni. Compre­se quelle sui buoni pasto. La carta potrà essere usata a scala­re presentandola nei negozi convenzionati. Finora la card per registrare ingresso e uscita è usata solo nel Palazzo del consiglio regio­nale. Le altre 150 sedi della Re­gione (disseminate sul territo­rio pugliese) ne sono rimaste prive anche a causa della com­plessità di un apparato che consentisse una gestione uni­taria. Ora i problemi sono ri­solti, col 2010 vita nuova.
Francesco Strippoli 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright