The news is by your side.

Provincia, al via progetto costruzione ‘fattoria didattica’, stanziati 300mila E

15

Creare un contesto in cui sia possibile conoscere le eccellenze ambientali ed agroalimentari del territorio, in cui la tutela delle specificità della Capitanata si sposi con una proposta didattica di qualità. E’ questo l’obiettivo della delibera con cui la Giunta provinciale ha autorizzato la spesa di 300mila euro – la cui copertura finanziaria è assicurata dai fondi regionali destinati alla gestione faunistica delle zone protette e dal Piano Triennale per l’Ambiente – per la realizzazione di una ‘fattoria didattica’, il cui coordinamento sarà affidato ai Servizi ‘Caccia e Pesca’ ed ‘Ambiente’ dell’Amministrazione di Palazzo Dogana. La ‘fattoria didattica’ – che sarà ubicata nella dimessa scuola di Agraria di Tavernazza in agro di Troia, corredata da circa 9 ettari di terreno agricolo – è di fatto un’azienda agricola capace di offrire una proposta didattica finalizzata alla conoscenza di processi produttivi e di allevamento, dei metodi di produzione alimentare, della relazione tra la produzione agricola e la salvaguardia delle risorse naturali. Il tutto nella prospettiva di consolidare la conoscenza del territorio, delle produzioni eco-compatibili, della storia e della vita rurale della provincia di Foggia. ‘Il nostro sistema agricolo – spiega l’assessore provinciale alle Politiche Agricole, Savino Santarella – necessita di una azione di promozione e di una vera e propria attività di conoscenza, soprattutto con riferimento alle giovani generazioni. Sempre più spesso i nostri ragazzi non hanno cognizione delle dinamiche di coltivazione e di allevamento, delle nostre produzioni tipiche, finanche del legame che unisce l’ambiente al territorio, il cibo alla natura. Con questo progetto – prosegue Santarella – intendiamo dunque attivare un meccanismo che consenta di comprendere le tecniche di agricoltura sostenibile, la stagionalità delle produzioni, le filiere produttive, sviluppando una nuova ed indispensabile cultura alimentare ed educando le generazioni del futuro al rispetto per l’immenso patrimonio della Capitanata’. ‘Oggi più che mai – aggiunge l’assessore provinciale alle Politiche Ambientali, Stefano Pecorella – è avvertito il bisogno di una riscoperta dell’ambiente rurale e delle attività agricole e di quel legame che unisce l’uomo al territorio. La diffusione dell’agriturismo ha assunto un ruolo socioculturale proprio perchè esso rappresenta l’esigenza di realizzare un ponte tra la realtà moderna e quella della vicina campagna e valorizzare il ruolo dell’agricoltore quale custode delle ricchezze ambientali e culturali del territorio. La ‘fattoria didattica’ va quindi oltre l’aspetto dell’offerta di ospitalità in una struttura rurale dell’agriturismo. Essa rappresenta lo strumento di conoscenza di una realtà in molti casi sconosciuta alle nuove generazioni’.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright